Discoveritalia.it - Il portale turistico di Istituto Geografico De Agostini Costiera Amalfitana - dintorni di Positano
 
Sabato 16 Dicembre 2017 


DOVE:
Lombardia - Milano (MI) - Cenacolo Vinciano - Santa Maria delle Grazie
COSA:
Arte » Musei
Cenacolo Vinciano 
Leonardo da Vinci, Ultima cena, Cenacolo Vinciano, Chiesa di Santa Maria delle Grazie, Milano
Prenota adesso i biglietti per questo museo. Non metterti in coda!
Prenota adesso i biglietti per questo museo.

Nel refettorio della quattrocentesca chiesa di Santa Maria delle Grazie, antica sede del Tribunale dell'Inquisizione, è custodito uno dei capolavori assoluti della storia dell'arte: l'Ultima Cena di Leonardo da Vinci.
L'ultimo restauro, conclusosi nel maggio 1999 dopo più di venti anni di paziente lavoro, ha restituito il prezioso quanto fragile "affresco" al suo antico splendore, rimuovendo dalla superficie pittorica secoli di ridipinture, colle, vernici, polvere, che ne alteravano pericolosamente i colori e la luminosità.
Fu Ludovico il Moro, nel 1494, a chiamare il maestro toscano per affrescare la parete nord del refettorio di Santa Maria delle Grazie, che aveva scelto come mausoleo proprio e della famiglia. Leonardo terminò il lavoro nel 1498, un anno prima che la calata dei francesi ponesse fine ai grandiosi progetti di sepoltura del Duca di Milano.
Una delle cause dello stato di degrado e di decomposizione nel quale versa l'Ultima Cena dipende dalla particolare tecnica pittorica utilizzata da Leonardo: non l'affresco (la tecnica a "buon fresco"), che impone tempi di esecuzione molto rapidi e da lui poco amati , ma una pittura a secco, a tempera su una preparazione gassosa, che si rivelò poco resistente e già intorno agli anni dieci del '500 mostrava i primi segni di cedimento. Pare esagerato il giudizio del Vasari che, nel 1568, affermava che il dipinto è "tanto male condotto che non si vede più se non una macchia", ma certamente le sue condizioni non poterono che peggiorare a causa degli interventi subiti nel corso dei secoli successivi. Sopravvissuto a centinaia d'anni di incurie e, in ultimo, ai bombardamenti del 1943 durante la Seconda Guerra Mondiale, è possibile ora apprezzare la bellezza e il fascino misterioso che contraddistingue questo dipinto, così come tutte le opere del grande pittore toscano.


Piazza S. Maria delle Grazie, 2
Milano
La chiesa è aperta tutti i giorni tra le 7.30 e le 12.00, e tra le 15.30 e le 18.
Il Cenacolo è aperto dalle ore 8.00 alle 19.30 (primo ingresso ore 8.15; la biglietteria chiude alle 18.45), tutti i giorni tranne il lunedì. Prenotazione obbligatoria (1,50 euro a persona) e solo telefonica al numero: 02.89421146.
Il biglietto costa 6,50 euro intero, 3,25 ridotto ed è gratuito per i cittadini dell'Unione Europea minori di 18 anni e maggiori di 65.
Per motivi di conservazione dell'opera, l'accesso ai visitatori è consentito a gruppi di max 25 persone ogni 15 minuti.
Visite guidate tutti i giorni a orari prestabiliti (3,25 euro a persona):
- ore 10.00 e 16.00 in italiano
- ore 9.30 e 15.30 in inglese
a cura della redazione Discoveritalia
 VEDI ANCHE: