Discoveritalia.it - Il portale turistico di Istituto Geografico De Agostini Costiera Amalfitana - dintorni di Positano
 
Sabato 16 Dicembre 2017 













Perugia
Itinerario classico
Città dalla storia antichissima, Perugia regala ai suoi visitatori un'atmosfera intatta di altri tempi fra le chiese medievali, le meraviglie del Perugino, la magia di piazza IV novembre, la splendida Fontana Maggiore, il Palazzo dei Priori, il Duomo e la Galleria Nazionale dell'Umbria. Poi i sapori della migliore tradizione enogastronomica.

Primo Giorno
Il centro storico di Perugia e i monumenti più famosi: il Duomo, Palazzo dei Priori e la Fontana Maggiore.
 
La suggestiva via della Maestà delle Volte e la fontana omonima, l'Acquedotto e l'Arco Etrusco.
 
I sapori della tradizione umbra, gli oli, i vini e i piatti gustosi al tartufo nero.
Secondo Giorno
   
Le sale del Collegio della Mercanzia e del Cambio, corso Vannucci e la Rocca Paolina.
 
Il Convento di Santa Giuliana, la vista dai Giardini del Campaccio e il Mercatino dell'Antiquariato.
 
L'accattivante atmosfera lungo i vicoli della città e le trattorie dove si conserva la migliore tradizione gastronomica.
Terzo Giorno
   
L'etrusca via dei Priori con la Chiesa di San Filippo Neri, la Torre degli Sciri e San Francesco al Prato.
 
Dal Teatro Morlacchi all'Auditorium di Santa Cecilia, poi il celebre affresco di Raffaello e Perugino.
 
A cena in uno dei luoghi più caratteristici della città: via delle Volte, uno dei vicoli più antichi di Perugia.

 VEDI ANCHE:
 


 
 Perugia

L'entrata del Duomo

Fontana Maggiore

Palazzo dei Priori

 
 
 
Itinerario classico
Primo Giorno

Mattina
I monumenti più celebri e simbolici di Perugia sono raccolti nel cuore storico della città: piazza IV novembre è la splendida cornice su cui si affacciano la Cattedrale e Palazzo dei Priori. Al centro della scena la magnifica Fontana Maggiore, capolavoro scultoreo di Giovanni e Nicola Pisano che risale al 1278.
Volgendo lo sguardo verso corso Vannucci possiamo ammirare il lato nord di Palazzo dei Priori con l'ampia scalinata a ventaglio, gremita di turisti che vi si soffermano per ammirare la fontana o semplicemente godersi la magica atmosfera di questa piazza. Attraverso il portale gotico, in cima alla scalinata, si accede alla preziosa Sala dei Notari.
Di fronte al palazzo sorge la Cattedrale, di cui possiamo vedere la facciata laterale con la caratteristica decorazione a marmi dicromi bianco e rosa. Sulla destra dell'ingresso si trova il pulpito da cui predicò San Bernardino e sulla sinistra la statua di Giulio III. Spingendo lo sguardo ancora un po' più a sinistra troviamo la Loggia di Fortebracci, fatte costruire da Braccio da Montone, signore di Perugia, nel 1423. Sotto la Loggia si trovano un tratto del muro romano e la riproduzione della pietra della Giustizia. Il palazzo che sorge a sinistra è il Palazzo Arcivescovile. In piazza Danti si trova l'ingresso principale della Cattedrale di San Lorenzo. Nel chiostro ha sede il Museo Capitolare, dove sono custodite opere e arredi liturgici provenienti dal Duomo. Usciti dalla chiesa, notiamo in piazza Danti il Teatro Turreno, uno dei più antichi della città. Al piano terra, invece, si apre lo storico Caffè Turreno, vera e propria istituzione in città.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Palazzotto dei Notari

Acquedotto duecentesco

Logge del palazzo di Braccio Fortebraccio

 
 
Primo Giorno
Perugia: Itinerario classico

Pomeriggio
Torniamo in piazza IV novembre. Dove termina la Loggia di Fortebracci inizia la suggestiva via Maestà delle Volte, un cammino coperto sotto imponenti archi, lungo la quale un tempo si trovava la Maestà dipinta sotto una volta di sostegno del Palazzo del Podestà. Proseguendo sulla sinistra incontriamo la seconda fontana più nota della città: si tratta della Fontana delle Volte. Siamo nel cuore medievale di Perugia.
Giriamo a destra in via Baldeschi per visitare l' Acquedotto Duecentesco, che portava l'acqua da Monte Pacciano a piazza IV novembre e che divenne in seguito una via sopraelevata. Giriamo quindi in via Santa Elisabetta per visitare il Mosaico Romano, appartenuto ad un edificio termale d'epoca romana, e la chiesetta di San Sebastiano. A pochi passi da qui risaliamo per la scalinata che fiancheggia Palazzo Gallenga, sede dell'Università di Perugia, al termine della salita si apre piazza Fortebraccio, che i perugini chiamano Grimana. Volgiamo lo sguardo a destra per ammirare l'imponente Arco Etrusco, ribattezzato Arco di Augusto quando la città passò sotto il dominio di Roma. Si tratta della porta più importante della cinta di mura etrusche. Da qui risaliamo Via Rocchi, l'arteria principale della città etrusca che conduce ancora una volta nel centro storico, ed esattamente in piazza Danti. Risalendo la via incontriamo l' Enoteca Provinciale, il posto giusto per trovare le migliori etichette di vini umbri e alcune specialità gastronomiche.
Attraversiamo quindi le due piazze, Danti e IV novembre, che d'estate si riempiono di tavolini all'aperto, e raggiungiamo il corso principale di Perugia: corso Vannucci. Sulla sinistra possiamo notare il Palazzotto dei Notari con la caratteristica torre e sulla cui facciata si aprono delle eleganti trifore. Questo è un buon punto di osservazione per ammirare anche la torre di Palazzo dei Priori. Attraversiamo quindi il corso pedonale e soffermiamoci a destra davanti al grande portone con arco a tutto sesto: l'ingresso alla Galleria Nazionale dell'Umbria. In cima al portale si possono notare le statue dei santi protettori di Perugia. Saliamo al terzo piano del Palazzo dei Priori per visitare la Galleria che custodisce i capolavori della pittura umbra dal XIII al XIX secolo: dal Perugino al Pinturicchio, al Beato Angelico. Se dopo tante meraviglie si volesse deliziare anche il palato una sosta sarebbe d'obbligo alla Pasticceria Sandri, dove gustare i migliori dolci tipici.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Gio' Arte e Vini

 
 
Primo Giorno
Perugia: Itinerario classico

Sera
La cucina tipica umbra propone sapori decisi come il tartufo, l'olio extravergine d'oliva, le carni gustose, e le zuppe saporite, per assaporarla si può andare a cena in uno dei ristoranti più rinomati di Perugia: Giò Arte e Vini. Il ristorante ospita anche una ricchissima cantina dove poter degustare i migliori vini umbri e nazionali.
 VEDI ANCHE:
   


 
 Perugia

Palazzo del Capitano del Popolo

Collegio del Cambio, sala dell'udienza. Pietro Perugino (1450 circa-1523)

Porta Marzia

 
Inizio
 
succ.
 
Itinerario classico
Secondo Giorno

Mattina
Riprendiamo la visita da corso Vannucci. Accanto a Palazzo dei Priori merita una sosta il Collegio della Mercanzia che, insieme al Collegio del Cambio la cui sala delle udienze è affrescata dal Perugino, è simbolo della prosperità di Perugia in età comunale. Di fronte al Palazzo si apre via Fani che conduce ad una piazza rettangolare, piazza Matteotti, dove sorge il Palazzo del Capitano del Popolo, sede della magistratura in età comunale. Sul lato sinistro della piazza si trova la Chiesa del Gesù, e accanto ad essa gli archi d'accesso alle Logge dei Lanari e al Mercato Coperto. Da via Mazzini torniamo in corso Vannucci, la via elegante di Perugia, quella del passeggio, dello shopping e dei caffè. Essa costituiva il "Cardo" della città etrusco-romana, mentre in età medievale era il centro amministrativo ed economico della città. Superata piazza della Repubblica arriviamo in piazza Italia dove inizia la città sotterranea, le viscere medievali di Perugia custodite nei sotterranei della Rocca Paolina. La Rocca fu costruita nel 1540 sopra l'intero quartiere Baglioni, inghiottendolo e riducendolo a sotterranei della Fortezza. L'accesso principale al quartiere sepolto è la Porta Marzia, che si raggiunge da via Marzia. La visione è sorprendente poiché si possono ancora riconoscere le antiche strutture abitative, i cortili, le piazzette, forni e botteghe. L'intera area è un incrocio fra medievale e moderno per via delle scale mobili costruite all'interno per agevolarne l'attraversamento in discesa fino a piazza Partigiano.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Interno della Rocca Paolina

Convento di Santa Giuliana - Apt Perugia

L'Arco etrusco o Arco di Augusto, III secolo a.C.

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Perugia: Itinerario classico

Pomeriggio
Le scale mobili della Rocca Paolina rendono più rapida la discesa verso via Masi, soffermiamoci per visitare la chiesa e l'antico convento di Santa Giuliana. Quindi risaliamo a piedi fino a via del Parione, lungo la quale incontriamo la chiesa e il convento di Santo Spirito. Superiamoli per raggiungere l'Arco della Mandorla o Porta Eburnea, arco di origine etrusca poi ristrutturato in epoca medievale sulle cui mura si legge l'iscrizione Augusta Perusia, riportata anche sull' Arco Etrusco. L'arco era ritenuto un passaggio di buon auspicio dalle milizie dei Baglioni quando andavano in battaglia. Giriamo a sinistra e proseguiamo verso piazza Mariotti dominata dalla chiesa dell'Annunziata e dal Convento delle Mantellate, oggi sede del Conservatorio. Per godere di uno dei panorami più belli della città prendiamo via della Cupa, che poggia su un'imponente parete in travertino delle mura etrusche, che domina il Campaccio, il giardino pubblico che occupa l'antico Fosso della Cupa. Attraverso via dell'Orso, tipico esempio di strada medievale coperta da archi, e poi via Boncampi che ci conduce in corso Vannucci. Da piazza della Repubblica scorgiamo a sinistra il Teatro del Pavone, quindi prendiamo via Bonazzi, costeggiata da negozietti, bar e alberghi, e arriviamo fino alla fine di via Caporali per ammirare l'antica chiesa di Sant'Angelo. Se ci si trova a Perugia durante l'ultimo fine settimana del mese non bisogna perdere il Mercato dell'Antiquariato e del Collezionismo che si svolge presso i Giardini Carducci.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Trattoria Vecchia Perusia

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Perugia: Itinerario classico

Sera
Fra le antiche strade di Perugia che si illuminano la sera si respira un'accattivante atmosfera d'altri tempi. È fra questi vicoli, nei pianterreni di palazzi medievali che si aprono le piccole trattorie e i ristoranti dove poter gustare la migliore tradizione enogastronomica locale. Questo è il caso del ristorante la Vecchia Perusia, situato in una delle strade storiche della città: in via Ulisse Rocchi, asse cittadino in epoca etrusca.
 VEDI ANCHE:
   

 
 Perugia

Chiesa di San Filippo Neri

Torre degli Sciri

Oratorio di San Bernardino

 
Inizio
 
succ.
 
Itinerario classico
Terzo Giorno

Mattina
Superato il Palazzo dei Priori, attraversiamo l'arco che si apre sotto il campanile dell'edificio storico e cominciamo a scendere lungo via dei Priori. La via segue l'antico tracciato etrusco che dava accesso alla strada verso il Trasimeno e la Toscana. Dopo pochi metri soffermiamoci un attimo davanti via della Gabbia: qui in epoca medievale era alzata la gabbia in cui erano rinchiusi i condannati. Proseguiamo lungo quest'arteria su cui si affacciano vicoli strettissimi, tortuosi e con gradoni che rendono il tipico aspetto della città vecchia. La prossima sosta è in piazza Ferri con la Chiesa di San Filippo Neri, maggior esempio di architettura barocca in città al cui interno si può ammirare l'Immacolata Concezione di Pietro da Cortona. Scendiamo ancora e mentre camminiamo solleviamo lo sguardo per ammirare l'imponente Torre degli Sciri, in piazzetta degli Oddi, l'unica sopravvissuta con i suoi 46 metri di altezza fra quelle che svettavano nel Medioevo e che simboleggiavano il potere economico e politico delle famiglie perugine. Accanto alla Torre sorge l'Oratorio della Confraternita di San Francesco, anch'esso esempio di barocco perugino. Proseguendo lasciamo a sinistra la Porta Trasimena e notiamo di fronte una slargo con prato verde sui cui si affaccia San Francesco al Prato, questa è una delle piazze più amate della città dove la gente nella bella stagione ama sdraiarsi al sole. L'edificio collegato al primo da un arco rinascimentale e dalla inconfondibile preziosa facciata policroma, invece, è l' Oratorio San Bernardino. Attraverso l'arco si raggiunge l'ex Convento di San Francesco, oggi sede dell' Accademia delle Belle Arti, nella cui gipsoteca si conservano alcuni gessi di Canova.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Teatro Morlacchi

Pozzo Etrusco - Apt Perugia

Chiesa di San Simone al Carmine

 
Inizio
prec.
succ.
 
Terzo Giorno
Perugia: Itinerario classico

Pomeriggio
Risaliamo da via del Poggio e costeggiamo un altro tratto delle mura etrusche fino a raggiungere piazza Morlacchi. Il palazzo con la facciata rosa è il Teatro Morlacchi, voluto nel XIX secolo dalla borghesia che ne voleva fare un simbolo contro la nobiltà locale. Dopo pochi passi arriviamo in piazza Cavallotti, giriamo quindi a destra in via della Stella: l'edificio ad angolo con via Fratti è l' Auditorium di Santa Cecilia. In piazza Danti, al numero 18, si trova l'ingresso per il Pozzo Etrusco che raggiunge una profondità di 36 metri per un diametro di 5 metri e mezzo. Dirigiamoci verso piazza IV novembre, quindi giriamo in via Calderini, dove si trova la Chiesa del Gesù. Proseguiamo in direzione est della città, ossia in via Alessi e proseguiamo su via Cartolari. L'atmosfera è quella tipica di un borgo medievale con vicoli e archi che si susseguono, si intersecano e aprono su piccole piazzette. Arriviamo fino a San Fiorenzo e proseguendo in via Imbriani, superiamo Porta di Santa Margherita. Risalendo verso via della Viola raggiungiamo via del Carmine in fondo alla quale si erge la chiesa omonima. Quindi torniamo indietro e al termine di via del Duca voltiamo a sinistra per passare sotto l'antico Arco dei Gigli, una delle entrate verso la città che si raggiunge al termine di una lunga scalinata. Proseguiamo lungo via Bontempi e giriamo verso Piazza Raffaello: qui si erge la Chiesa di San Severo e a fianco ad essa la celebre Cappella che conserva l'affresco realizzato da Raffaello e Perugino. Da via dell'Aquila passiamo in piazza Michelotti, il punto più alto della città. Subito dietro la piazza si apre uno dei punti panoramici più suggestivi di Perugia. Torniamo indietro verso via Bontempi e per scendere verso il centro imbocchiamo via Volte della Pace che si sviluppa sotto alcune volte, appunto, rendendo gran parte del tragitto coperto.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Antica Trattoria delle Volte

 
Inizio
prec.
 
Terzo Giorno
Perugia: Itinerario classico

Sera
Uno dei luoghi più suggestivi per andare a cena è l' Antica Trattoria delle Volte in piazza Matteotti, di fronte alla Chiesa del Gesù. La trattoria si trova in una delle vie medievali più caratteristiche della città: via delle Volte, un lungo vicolo coperto.
 VEDI ANCHE: