Discoveritalia.it - Il portale turistico di Istituto Geografico De Agostini Costiera Amalfitana - dintorni di Positano
 
Venerdì 15 Dicembre 2017 













Roma
Itinerario giovane
Ampie aree verdi nel cuore della capitale fra giardini di epoca romana e fresche oasi di ville nobiliari. Poi la città degli spazi aperti, con i panorami più belli sui tetti di Roma visti dal Gianicolo, dal Quirinale e dal Pincio, e la città letteraria la cui scoperta si fa seguendo le tracce di scrittori e poeti che non sono rimasti immuni al fascino millenario della città dei Cesari. Infine le atmosfere vivaci della sera fra Campo dei Fiori e Trastevere, musica e divertimento.

Primo Giorno
I giardini, i parchi di Roma e le ville aristocratiche immerse nel verde: da Villa Borghese a Villa Doria Pamphilj
 
La veduta da Piazza del Quirinale e i musei insoliti, delle paste alimentari e delle cere, infine il verde delle aree archeologiche
 
I piatti della tradizione romana sull'isola Tiberina
Secondo Giorno
   
I percorsi letterari sulle tracce di grandi scrittori e poeti che si sono lasciati catturare dal fascino della città eterna
 
Lo studio appartenuto a Trilussa al Museo di Trastevere, il mercato di Porta Portese, la vista dal Gianicolo e il Museo Tassiano
 
L'atmosfera coinvolgente di Trastevere fra enoteche, ristoranti e locali in cui trascorrere una serata piacevole
Terzo Giorno
   
I capolavori di famosi maestri custoditi fra le mura dei palazzi nobiliari e le eleganti gallerie dai nomi dell'aristocrazia romana
 
Il Museo Napoleonico, delle Arti e delle Tradizioni Popolari e i maggiori complessi termali testimonianza dei fasti di Roma
 
Ambiente informale e piatti della cucina tradizionale per una serata all'insegna del relax con musica da intenditori

 VEDI ANCHE:
 


 
 Roma

Villa Borghese - Apt Roma

Il Pincio - Roma

Villa Medici - Apt Roma

 
 
 
Itinerario giovane
Primo Giorno

Mattina
Rinomata per le sue antiche ville e i meravigliosi giardini che le circondano, Roma si classifica fra le città più verdi d'Italia. Scopriamo questo interessante patrimonio frutto del lavoro di celebri architetti che usarono il loro ingegno per abbellire famosi palazzi nobiliari. Partiamo da Villa Borghese, la più famosa, fatta realizzare dal cardinale Scipione Borghese, al cui interno è ospitata una ricca collezione d'arte messa insieme dal famoso mecenate, che si può ammirare alla Galleria Borghese. La villa è circondata da un ampio parco dove i romani amano venire a passeggiare e recarsi in uno dei luoghi più romantici: il lago con l'isoletta dominata dal Tempio di Esculapio, dio della medicina, di epoca settecentesca. Nel giardino si possono anche ammirare statue e tempietti concepiti per decorare i viali che circondano la lussuosa dimora.
Il Pincio, invece, che confina con Villa Borghese, è il primo giardino pubblico che fu progettato a Roma ai tempi di Napoleone a scopo autocelebrativo. La passeggiata in quest'area verde è resa più piacevole da statue e monumenti decorativi, come il piccolo obelisco che vi fu collocato, costruito in età imperiale per Adriano. Da non perdere è la terrazza del Pincio con splendida vista che spazia fino alla magnifica cupola di San Pietro. Tra il Pincio e viale Trinità dei Monti si trova l'elegante Villa Medici, di origine quattrocentesca, attualmente sede dell'Accademia di Francia. Raggiungiamo, attraversando il parco, il viale delle Belle Arti dove sorge la Galleria di Arte Moderna e Contemporanea, edificio costruito per la grande Esposizione del 1911 per celebrare i cinquant'anni del Regno d'Italia. Entriamo per ammirare le opere di Guttuso, De Chirico, Carrà, Sironi, Morandi, Pollock, Burri, Arnaldo Pomodoro e tanti altri. Altra famosa villa nei dintorni è Villa Giulia, dimora cinquecentesca appartenuta a papa Giulio VI, che ospita il Museo Nazionale Etrusco, importante testimonianza delle civiltà preromane. Per tornare in tema di contemporaneità, uno degli ultimi poli museali ad essere inaugurati è il MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo (www.fondazionemaxxi.it), un luogo pluridisciplinare destinato alla sperimentazione e all'innovazione nel campo delle arti e dell'architettura. Nel MAXXI convivono due istituzioni museali, il MAXXI arte e il MAXXI architettura, le cui collezioni permanenti sono incrementate sia attraverso l'acquisizione diretta di opere che tramite progetti di committenza, concorsi tematici, premi rivolti alle giovani generazioni, donazioni, affidamenti.
Bisogna spostarsi oltre il Tevere per visitare Villa Doria Pamphilj, la più vasta fra le ville romane con ben 180 ettari di terreno che la circondano. Quest'area, da sempre nota per l'abbondanza d'acqua già in epoca romana, rappresentava un'importante zona di approvvigionamento come testimoniano i resti dell'acquedotto costr
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Scuderie Papali - Roma

Museo delle Paste Alimentari - Roma

Museo delle Cere - Roma

 
 
Primo Giorno
Roma: Itinerario giovane

Pomeriggio
Altra importante area di verde è il Giardino del Quirinale, di fronte a cui sorge la Chiesa di Sant'Andrea al Quirinale. Dal piazzale, al centro del quale si innalza l'ennesimo obelisco che come gli altri abbellisce numerose piazze romane, si apre una bella vista sulla città e sui colli Campidoglio e Palatino. Sulla piazza si affacciano il Palazzo del Quirinale, le Scuderie, sede di mostre temporanee, e il Palazzo della Consulta.
Scendiamo le scalinate per girare in via Scandeberg dove troviamo con sorpresa uno dei musei più curiosi di Roma: il Museo delle Paste Alimentari, che documenta la storia del piatto più famoso d'Italia, la pasta, e i suoi processi di preparazione. Dal lato opposto si trova, invece, via Pilotta. Percorriamola per raggiungere via Quattro Novembre dove sorge il palazzo che ospita il Museo delle Cere, terzo per importanza al mondo dopo il Madame Tusseaud di Londra e il Museo Gravin di Parigi. Da qui ci spostiamo lungo i Fori Imperiali per raggiungere il Parco Oppio sull'Esquilino, altra grande area verde di Roma, da cui parte più elevata si gode una splendida vista sull' Anfiteatro Flavio e il Foro Romano. Facciamo una sosta per visitare i padiglioni della Domus Aurea, unica testimonianza della mitica villa imperiale di Nerone che si estendeva fino oltre il Campidoglio. Dirigiamoci verso il Colosseo, dietro la cui imponente mole si apre il Parco del Celio, altro polmone verde della città dove si trovano due famose chiese romane: SS. Giovanni e Paolo e la Chiesa di San Gregorio Magno. Percorriamo interamente via Gregorio Magno che ci conduce al Circo Massimo. Davanti a noi si apre un'ampia zona a giardino che mantiene ancora la forma originaria del perimetro del circo, di cui resta una piccola testimonianza in uno dei lati corti del circo.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Mangiamoci - Roma

 
 
Primo Giorno
Roma: Itinerario giovane

Sera
Per la sera si può scegliere di cenare nel caratteristico ristorante Sora Lella, sull'isola Tiberina, con un menu a base di piatti tipici e tradizionali, e godersi la magica atmosfera dell'isola.
 VEDI ANCHE:
   


 
 Roma

Palazzo Venezia - Apt Roma

Obelisco di piazza Montecitorio - Roma

Casa Museo Keats-Shelley - Apt Roma

 
Inizio
 
succ.
 
Itinerario giovane
Secondo Giorno

Mattina
Roma, da sempre città di arte e cultura, ha accolto e dato ospitalità nel corso dei secoli a numerosi artisti. Molti letterati di ogni parte del mondo l'hanno amata lasciando numerose testimonianze del loro passaggio. L'itinerario attraverso i luoghi della letteratura inizia da via del Corso, tra piazza Venezia a piazza del Popolo, che il sabato è luogo deputato allo shopping e alle passeggiate. Al civico 391 si trova la casa in cui visse per alcuni anni e morì nel 1863 il celebre cantore romano Giuseppe Gioachino Belli. Procedendo lungo il corso notiamo a sinistra piazza Colonna, su cui si affaccia Palazzo Chigi e da dove si intravede Montecitorio.
Superiamola per raggiungere via Condotti che si apre sulla destra di via del Corso. Al civico 86 si trova uno dei locali storici di Roma: il Caffè Greco frequentato in passato da artisti e letterati come Heine, Wagner, Trilussa, D'Annunzio e molti altri. Fermiamoci un istante per respirare quella tipica atmosfera ottocentesca. Proseguiamo quindi verso piazza di Spagna al centro della quale sorge la fontana della Barcaccia, costruita dal Bernini, e da cui si gode la splendida vista di Trinità dei Monti. Tre nomi celebri sono legati a questa piazza: il pittore Giorgio De Chirico e i poeti inglesi Keats e Shelley. Al numero civico 26 si può notare la casa in cui visse per alcuni mesi e morì John Keats e che custodisce documenti interessanti legati al poeta e altri relativi al passaggio di Lord Byron e Percy B. Shelley. Dall'altra parte della scalinata di Trinità dei Monti si trova, invece, al numero 31, la casa di De Chirico, dove si conservano gli attrezzi del pittore e gli arredi del laboratorio in cui lavorava.
Lasciamo la piazza per proseguire su via del Corso. Dirigiamoci verso il civico 18, non lontano da piazza del Popolo, per visitare il Museo Goethe, ospitato nel palazzo dove lo scrittore alloggiò durante i soggiorni romani. Altra abitazione letteraria è quella di Carlo Goldoni, in largo Goldoni, a pochi passi da via del Corso, dove il commediografo compose, durante il soggiorno in casa di Pietro Poloni, Gli innamorati.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Isola Tiberina - Roma

Museo di Roma in Trastevere - Roma

Mercato di Porta Portese - Apt Roma

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Roma: Itinerario giovane

Pomeriggio
L'itinerario prosegue verso Trastevere ma prima di raggiungere questo famoso quartiere, che si anima soprattutto la notte, sostiamo sull' isola Tiberina, uno dei luoghi più romantici della città su cui sorge la Chiesa di San Bartolomeo e che regala splendide viste sul fiume, come quella sul celebre Ponte Rotto, uno dei più antichi di Roma. Da qui ci spostiamo verso la piazza dedicata al poeta Giuseppe Gioachino Belli, e davanti a noi possiamo ammirare la Casa di Dante. Trastevere fu molto amata da artisti e scrittori, per via dell'atmosfera popolare, fresca e giovane, lontana dalla città solenne e fastosa. In piazza Sant'Egidio, all'interno del Museo di Roma in Trastevere, si può visitare lo studio del poeta e giornalista Carlo Alberto Salustri, in arte Trilussa, ricostruito con gli arredi originali. Al poeta è dedicata anche la piazza che si apre davanti al ponte Sisto, realizzato dal Bramante. Dietro piazza Sant'Egidio si trova un'altra famosa piazza, quella dove sorge la splendida basilica di Santa Maria in Trastevere, di gusto bizantino; visitiamola per ammirare i ricchi mosaici absidali. Da qui spostiamoci verso il lungo e alberato viale Trastevere, alla fine del quale si trova Porta Portese, il più celebre mercatino romano con i suoi suoni, i colori e l'allegria tipicamente romanesca. Risaliamo in direzione della passeggiata del Gianicolo, una delle più suggestive a Roma per via di piazzale Garibaldi, vera e propria terrazza sulla città da cui si possono ammirare i maggiori monumenti e godere dello splendido panorama sulla capitale, magari al tramonto. Sotto l'ampio giardino si trova l' Orto Botanico di Roma, fra i maggiori in Italia, dalla storia secolare che custodisce piante rare e antichissime. Per restare invece sempre in tema di letteratura non dimentichiamo che alla fine della passeggiata del Gianicolo vi è il complesso monastico di Sant'Onofrio, dove visse gli ultimi anni della sua vita Torquato Tasso e dove è ospitato il Museo Tassiano, con i manoscritti del poeta e i suoi libri. Nell'adiacente chiesa di Sant'Onofrio si trova la tomba del poeta.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Enoteca Trastevere - Roma

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Roma: Itinerario giovane

Sera
Per la sera torniamo a Trastevere e magari prima di andare a cena in una tipica trattoria fermiamoci all' Enoteca Trastevere per degustare un vino dei Castelli. Poi per gli ottimi piatti della tradizione si può andare alla Fraschetta, ristorante molto amato da una clientela giovanile, e concludere la serata in uno dei tanti locali che affollano le viuzze di questo quartiere, che la notte si anima di gente che ha voglia di divertirsi.
 VEDI ANCHE:
   

 
 Roma

 
Inizio
 
succ.
 
Itinerario giovane
Terzo Giorno

Mattina
Roma, museo a cielo aperto, in ogni strada e ad ogni angolo stupisce con i capolavori realizzati dai più famosi artisti. Ma tante delle sue meraviglie sono custodite fra le stanze lussuose di palazzi nobiliari ed eleganti gallerie. Iniziamo dalla Galleria Nazionale d'Arte Antica, un'importante raccolta di dipinti ospitata presso Palazzo Barberini, una delle dimore più belle di Roma, sulla cui piazza omonima si trova la celebre Fontana del Tritone capolavoro del Bernini.
Raggiungiamo quindi via delle Quattro Fontane per ammirare celebri opere di Raffaello, Caravaggio, Canaletto, dipinti di Guercino, di Domenichino, Tiziano e Tintoretto.
Da via del Tritone spostiamoci in via del Corso per visitare la Galleria Colonna, la celebre galleria prospettica realizzata da Borromini a Palazzo Colonna. Al suo interno vi si trova una raccolta di quadri di grande valore con opere di Guido Reni, Paolo Veronese, Palma il Vecchio, Tintoretto, Guercino e Tiziano. E per restare sempre in tema di capolavori e gallerie, non bisogna tralasciare la collezione esposta nella magnifica Galleria Doria Pamphilj, detta anche Galleria degli Specchi, all'interno di Palazzo Doria Pamphilj, alla fine di via del Corso. La sala si ispira a quella più conosciuta di Versailles e custodisce alcuni dei maggiori capolavori dei maestri del Seicento e del Settecento, fra cui Bernini, Caravaggio, Tiziano e Raffaello. Di quest'ultimo andrebbero visitate le stanze ospitate presso i Musei Vaticani, decorate e affrescate dal grande maestro per il pontefice Giulio II.
Siamo a Piazza Venezia su cui si affacciano Palazzo Venezia e il monumentale Vittoriano, ciascuno dei quali è sede di alcuni musei. A Palazzo Venezia nelle sale dell'appartamento Cybo sono conservati alcuni preziosi dipinti, arazzi, ceramiche che vanno dal XIII al XVIII secolo, mentre all'interno dell'Altare della Patria sono ospitati il Museo della Marina Militare e il Museo del Risorgimento. Dietro questo imponente edificio si eleva il Campidoglio. Raggiungiamolo per scoprire la storia dei musei più antichi del mondo. Nella grande piazza in cui sorge il Palazzo Senatorio, sede del Comune di Roma, e al centro della quale si può ammirare la statua di Marco, due edifici abbracciano il piazzale completando l'elegante prospetto: siamo davanti ai Musei Capitolini, al cui interno si conserva, fra le varie opere d'arte, anche una prestigiosa raccolta di quadri nella Pinacoteca Capitolina, con capolavori di maestri come Tiziano, Pietro da Cortona, Rubens, Van Dyck e Velazquez.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

 
Inizio
prec.
succ.
 
Terzo Giorno
Roma: Itinerario giovane

Pomeriggio
Spostiamoci, quindi, in direzione del Tevere per ammirare gli oggetti preziosi, i dipinti, le sculture, i mobili, gli oggetti d'uso quotidiano, gli abiti e i gioielli, conservati nel Museo Napoleonico, che documentano le tappe distinte dell'età napoleonica. Da qui costeggiamo la sponda del fiume fino al ponte Mazzini. Attraversiamolo per raggiungere via della Lungara dove sorge Palazzo Corsini. La dimora nobiliare, sede dell'Accademia dell'Arcadia, ospita una ricca Galleria in cui sono esposti reperti di età imperiale e dipinti del Cinquecento e del Seicento. Fra le raccolte più curiose di Roma vale la pena di conoscere quella del Museo Nazionale delle Arti e delle Tradizioni Popolari che documenta, attraverso una ricca galleria di oggetti, strumenti, arredamenti e vestiti, usi e costumi dell'Italia fra il XVIII e il XX secolo.
Volendo fare, poi, un passo indietro nel passato bisogna citare uno dei musei più importanti di Roma che raccoglie importanti testimonianze e reperti storici della città. Si tratta del Museo Nazionale Romano, che per la sua portata è diviso in cinque sezioni – Palazzo Massimo delle terme, l'Aula Ottagona, il Palazzo Altemps, le Terme di Diocleziano e la Cripta Balbi – situate in punti diversi della città. Merita un approfondimento il complesso delle Terme di Diocleziano, situato di fronte alla stazione Termini, che costituisce il più imponente complesso termale della città. Un impianto balneare che comprendeva piscina, frigidarium, tepidarium, e altri ambienti di varia natura, come un'esedra semicircolare che corrisponde all'attuale piazza Esedra, a cui lati sorgevano due biblioteche. Altra testimonianza, del valore e dell'importanza che queste strutture avevano nell'antica Roma, ci è data dal complesso delle Terme di Caracalla, fatte costruire da Caracalla nel 217 d.C. Da piazza della Repubblica, occupata dall'ampia fontana, completiamo la visita dei musei romani recandoci al Museo Nazionale d'Arte Orientale, a due passi dalla Basilica di Santa Maria Maggiore. Si tratta della più importante raccolta italiana che mette insieme oggetti, tessuti, dipinti, porcellane, armi, gioielli e suppellettili del Medio e dell'Estremo Oriente. Proseguendo su via Merulana si arriva fino a piazza San Giovanni in Laterano dove sorge la basilica omonima.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Bar il Fico - Roma

 
Inizio
prec.
 
Terzo Giorno
Roma: Itinerario giovane

Sera
La Taverna dei Mercanti, nel cuore della vecchia Trastevere, è il luogo ideale se la sera si ha voglia di un posto informale, dall'atmosfera vivace, dove poter mangiare una pizza o assaggiare qualche specialità se si desidera scoprire qualche piatto tipico. Tra i locali, invece, da non perdere si segnala l'AlexanderPlatz, dove trascorrere qualche ora piacevole ascoltando ottima musica jazz dal vivo.
 VEDI ANCHE: