Discoveritalia.it - Il portale turistico di Istituto Geografico De Agostini Costiera Amalfitana - dintorni di Positano
 
Giovedì 14 Dicembre 2017 













Bologna
Itinerario giovane
Giovane e vivace Bologna universitaria ci presenta il suo volto esuberante e colto allo stesso tempo. Fra bar per studenti e antichi musei scopriamo il fascino che attira tantissimi giovani. I locali del centro dove sorseggiare un drink in compagnia, i luoghi della musica dal vivo, i negozi dove fare shopping e i giardini per rilassarsi o fare sport. Bologna dinamica e godereccia, una città che non smette di sedurre

Primo Giorno
L'incontro con Bologna la Dotta avviene nel quartiere dell'Università fra musei e locali frequentati dai giovani
 
Da via Zamboni a via delle Belle Arti scopriamo i principali musei, i luoghi della scienza e della cultura
 
Atmosfera vivace alla Cantina Bentivoglio, un'istituzione in città in fatto di musica jazz dal vivo
Secondo Giorno
   
Una passeggiata fra via Santo Stefano e la Strada Maggiore fino ai Giardini Margherita
 
Il borgo popolare di via del Pratello, la Basilica di San Francesco e i luoghi degli acquisti
 
Cena all'insegna della musica raffinata in uno dei locali più famosi della città, il Chet Baker Jazz Club
Terzo Giorno
   
Una passeggiata in via Indipendenza fra palazzi antichi, chiese, teatri e bei negozi dove fare acquisti
 
Visita al Parco della Montagnola con i suoi mercatini, poi la Galleria d'Arte Moderna e l'aperitivo in centro
 
Piatti tipici e ambienti caratteristici al ristorante o in osteria, poi atmosfere alternative in discoteca

 VEDI ANCHE:
 


 
 Bologna

Chiesa di San Giacomo Maggiore - Bologna

Teatro Comunale - Bologna

Aula Carducci - Bologna

 
 
 
Itinerario giovane
Primo Giorno

Mattina
Bologna città universitaria sprigiona il suo spirito più goliardico e multiculturale soprattutto nel quartiere degli studenti, quello intorno a via Zamboni e via delle Belle Arti. L'intera zona è costellata da università, musei, e locali dove si incontrano i giovani. Iniziamo, quindi, il nostro cammino alla scoperta di questo interessante volto della città. Il primo edificio importante che incontriamo è la piccola Chiesa di San Donato, poi al civico 22 troviamo Palazzo Malvezzi – Campeggi oggi sede della facoltà di Giurisprudenza. Entriamo per dare un'occhiata al suggestivo cortile interno a doppia loggia. Poco più avanti sorge la Chiesa di San Giacomo Maggiore, con la Cappella Poggi e la Cappella Bentivoglio. Proseguendo per via Zamboni incontriamo piazza Verdi, siamo nel cuore del quartiere universitario. Da qui si può vedere meglio il campanile di San Giacomo alto 64 metri. Sulla piazza sempre affollata dagli studenti si affacciano il Teatro Comunale e un'ala di Palazzo Poggi, sede dell'Ateneo bolognese, il più antico d'Europa, fondato nel 1088. L'edificio ha tre ingressi, entriamo al civico 31 per ammirare gli affreschi che raffigurano le Storie di Ulisse. All'interno dell'edificio meritano una visita l' Aula Carducci, l'aula storica dove teneva le sue lezioni il poeta Giosuè Carducci, e il Cortile di Ercole. Sempre a Palazzo Poggi si trova la Specola dell'Osservatorio Astronomico e il Museo di Astronomia dove si conservano gli antichi strumenti per l'osservazione della volta celeste. Concediamoci una sosta, prima di riprendere il nostro percorso, allo storico Caffè del Museo, al 58 di via Zamboni, luogo di incontro di studenti e professori.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Museo di Mineralogia - Bologna

Orto Botanico - Bologna

Palazzo Bentivoglio - Bologna

 
 
Primo Giorno
Bologna: Itinerario giovane

Pomeriggio
Riprendiamo la visita e dirigiamoci verso la fine di via Zamboni. Lì dove si apre piazza Puntoni possiamo notare a destra la Chiesa di Santa Maria Maddalena, del XII secolo, proseguiamo quindi fino a Porta San Donato. L'edificio che sorge ad angolo è il Museo di Mineralogia. Imbocchiamo via Irnerio, ampio viale alberato dove incontriamo il Museo di Anatomia Umana, il Museo di Fisica e al civico 42 l' Orto Botanico con l' Erbario che conserva 110.000 tipi di piante essiccate. Completato il giro dei musei torniamo indietro per raggiungere via delle Belle Arti. Siamo sempre nel cuore della Bologna universitaria dove troviamo la Pinacoteca Nazionale che custodisce alcuni importanti opere di pittori famosi come il Guercino, il Domenichino, i Carracci, Giotto e Raffaello. Lasciamo la Pinacoteca e proseguiamo lungo via delle Belle Arti dove al civico 42 incontriamo l'Accademia delle Belle Arti e al numero 8 Palazzo Bentivoglio, uno dei tanti appartenuti ai signori di Bologna, oggi molto rovinato, ma vale la pena dare un'occhiata al cortile a doppia loggia. Forse pochi sanno che a due passi da qui, in via delle Moline, un tempo vi era un'area di canali, molti dei quali sono stati coperti, che consentivano il funzionamento dei mulini. Qui troviamo il negozio Freak Andò fra i più apprezzati dagli appassionati di antiquariato e modernariato.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Cantina Bentivoglio - Bologna

 
 
Primo Giorno
Bologna: Itinerario giovane

Sera
Rimaniamo nel quartiere universitario per una cena con musica jazz dal vivo in via Mascarella dove si trova la Cantina Bentivoglio. La famosa enoteca bolognese, che occupa gli spazi delle antiche cantine di Palazzo Bentivoglio, vanta una lunga tradizione jazzistica grazie anche alla presenza di ospiti internazionali.
 VEDI ANCHE:
   


 
 Bologna

Chiesa di Santo Stefano - Bologna

Museo Industriale, Palazzo Bargellini - Bologna

Chiesa di Santa Maria dei Servi - Bologna

 
Inizio
 
succ.
 
Itinerario giovane
Secondo Giorno

Mattina
Una delle arterie principali della città è via Santo Stefano che ci conduce alla caratteristica Chiesa di Santo Stefano composta da sette chiese. Ricordiamoci che al civico 6 di via Santo Stefano si trova il Godot Wine Store, un posto da non perdere per degustazioni di vino o acquisti di etichette pregiate. A pochi passi da Santo Stefano, in piazza San Giovanni in Monte, sorge un'altra chiesa interessante, quella San Giovanni. Facciamo quindi una deviazione verso la strada Maggiore, altro importante asse cittadino, per visitare il Museo Civico d'Arte Industriale ospitato a Palazzo Bargellini. Al suo interno si possono ammirare, fra le altre cose, arredi d'epoca, raccolte di terrecotte, ceramiche e ricami. Di fronte al museo possiamo notare la Chiesa di Santa Maria dei Servi con l'elegante quadriportico che la precede. Torniamo in via Santo Stefano e percorriamola fino in fondo, poi giriamo in via Dante per andare a visitare la Casa Museo di Giosue Carducci. Qui si conservano cimeli, manoscritti e oggetti personali del poeta che visse e insegnò a Bologna fino alla sua morte. La casa è circondata da un bel giardino che vale la pena visitare. Poi ci trasferiamo in un'altra zona verde, quella dei Giardini Margherita, parco molto amato dai bolognesi che vi vengono a leggere nelle belle giornate distesi sul prato, a fare jogging, una passeggiata in bicicletta o a pattinare. Per chi, invece di fare una sosta, volesse continuare la visita dei musei si consiglia di non perdere il Museo Storico del Soldatino, che conserva antiche collezioni, e la Collezione storica dell'Atc, dei trasporti urbani.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Basilica di San Francesco - Bologna

Rock Shop - Bologna

Santuario della Madonna di San Luca - Bologna

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Bologna: Itinerario giovane

Pomeriggio
Una zona molto interessante della città è quella che si sviluppa intorno a via del Pratello, un tempo strada popolare vicinissima al centro. Negli anni si è andata sempre più popolando di studenti e di locali, osterie e circoli Arci come il Pavese, il Riff Raff , dove si tengono spettacoli e incontri culturali. In questo modo il vecchio borgo ha conservato uno spirito particolarmente vivace. Accanto a via del Pratello sorge la Basilica di San Francesco, una delle chiese più belle di Bologna, splendido esempio di gotico italiano, circondata da strane strutture: le Tombe dei glossatori, sepolcri ad arca di alcuni celebri commentatori del Diritto romano. La strada parallela a via del Pratello è via San Felice costeggiata da alcuni interessanti negozi di abbigliamento e con articoli per la casa e dove si trova una delle gelaterie migliori in città al numero 24, la Gelateria Ugo, dove vale la pena fare una sosta. Per gli amanti della musica si consiglia invece di recarsi in via della Grada, anticamente zona di canali ormai coperti, dove si trova al civico 6 Rock Shop, un negozio ricco di proposte e occasioni da scovare in piena tranquillità. Dirigiamoci quindi verso sud per raggiungere Porta Saragozza, uno degli antichi ingressi cittadini di cui resta integra la struttura. Sul lato opposto della porta troviamo l'ingresso al Portico di San Luca che conduce al Santuario della Madonna di San Luca. Si può scegliere di incamminarsi e raggiunta la cima godersi il tramonto sulla città, oppure proseguire l'itinerario per un'ultima sosta dolce da Majani, storica cioccolateria bolognese, gioia pura per il palato.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Chet Baker Jazz Club - Bologna

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Bologna: Itinerario giovane

Sera
Per una serata a base di musica di qualità si va al famoso Chet Baker Jazz Club, dove si esibiscono dal vivo ospiti internazionali. Il locale offre anche la possibilità di cenare e quindi di gustare qualche buon piatto della cucina bolognese. E per restare in tema di musica si può fare un salto al Roxi Bar, in via Rizzoli 9, reso celebre dalla famosa canzone di Vasco Rossi.
 VEDI ANCHE:
   

 
 Bologna

Piazza Nettuno e piazza Maggiore - Bologna

Museo Civico Medievale - Bologna

Enoteca Italiana - Bologna

 
Inizio
 
succ.
 
Itinerario giovane
Terzo Giorno

Mattina
Partiamo da piazza Maggiore dove si affacciano l'imponente mole della Chiesa di San Petronio, Palazzo Comunale, la Fontana di Nettuno e gli altri palazzi storici. Quindi incamminiamoci verso via Indipendenza, una delle arterie principali di Bologna, luogo deputato allo shopping e al passeggio, con le sue belle vetrine e i suoi monumenti. Imboccata la strada incontriamo quasi subito a sinistra la Chiesa di San Pietro, dalla facciata troppo grande da poter essere apprezzata in uno spazio che risulta un po' angusto. Di fronte si apre via Manzoni verso cui ci dirigiamo per ammirare Palazzo Ghisilardi Fava di origine quattrocentesca che ospita il Museo Medievale. Visitiamo l'elegante cortile e poi il museo, ricordandoci che sotto i portici del palazzo si trova uno dei ristoranti più esclusivi della città: I Carracci. Riprendiamo il nostro cammino su via Indipendenza per fare una sosta in via Marsala all' Enoteca Italiana, uno dei negozi più forniti dove possiamo acquistare qualche pregiata etichetta di vini dei Colli Bolognesi o fare un aperitivo degustando un buon bicchiere accompagnato da qualche salume tipico o del formaggio. Proseguiamo quindi lungo via Marsala per dare un'occhiata alla Chiesa di San Martino Maggiore. Torniamo indietro in via Indipendenza, passeggiando sotto i lunghi portici sbuchiamo in una piazzetta con giardino al centro della quale campeggia la statua di Garibaldi, di fronte possiamo ammirare la facciata del Teatro dell'Arena del Sole, fra i più importanti teatri di prosa in città.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Parco della Montagnola - Bologna

Porta Galliera - Bologna

Antiche Stampe - Bologna

 
Inizio
prec.
succ.
 
Terzo Giorno
Bologna: Itinerario giovane

Pomeriggio
Alla fine di via Indipendenza si apre l'ampio Parco della Montagnola, il più vecchio giardino pubblico di Bologna. L'ingresso con la scalinata si trova in piazza Otto agosto, dove ogni fine settimana, tra venerdì e sabato si svolge il Mercato della Piazzola e della Montagnola, meta imperdibile per gli appassionati degli abiti e degli oggetti di seconda mano. Facciamo una passeggiata nel parco al centro del quale si trova un grazioso bacino d'acqua. Poi usciamo dall'area verde dall'ingresso che si affaccia su Porta Galliera. A pochi passi da qui si trovano le rovine dell'antica Rocca, il Castello di Galliera abbattuto e ricostruito più volte e dalle cui macerie, secondo la leggenda, sarebbe sorta la collina della Montagnola. Siamo a due passi dalla Stazione ferroviaria di Bologna, da qui inizia via Galliera, una delle più antiche della città, percorriamola e raggiungiamo il civico 42, dove si trova il negozio di Antiche Stampe, qui gli appassionati del genere possono trovare interessanti occasioni e pezzi unici. Il resto del pomeriggio possiamo dedicarlo alla visita della Galleria d'Arte Moderna all'interno di Villa delle Rose, un luogo suggestivo a nord della città, nel quartiere della Fiera, fuori dalle mura cittadine, dove per mura ormai bisogna intendere i viali poiché della cinta restano solo poche tracce. A Villa delle Rose si tengono spesso esposizioni d'arte contemporanea, una visita da non perdere. Concluso il giro rientriamo in centro per un aperitivo in uno dei locali più alla moda, il Rosa Rose luogo di ritrovo dei bolognesi, dietro piazza Maggiore, dove è possibile incontrare personaggi famosi.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Buca delle Campane - Bologna

 
Inizio
prec.
 
Terzo Giorno
Bologna: Itinerario giovane

Sera
Per una cena un po' speciale si può scegliere di andare Da Fabio che propone ottimi primi piatti bolognesi e un irresistibile buffet di dolci. Oppure si può optare per un'osteria, come la Buca delle Campane, uno dei locali più caratteristici di Bologna. Infine si può concludere la serata con due salti al Kinki, una delle discoteche storiche più note, ancora molto frequentata.
 VEDI ANCHE: