Discoveritalia.it - Il portale turistico di Istituto Geografico De Agostini Costiera Amalfitana - dintorni di Positano
 
Sabato 16 Dicembre 2017 













Cagliari
Itinerario giovane
Pregevoli architetture ma anche spiagge, giardini e shopping: Cagliari offre al turista una vasta gamma di opportunità, comprese la possibilità di partecipare a festival musicali, di apprezzare la cucina locale e di divertirsi fino a notte inoltrata. Ecco un viaggio alla scoperta di una città che, nonostante le sue antiche tradizioni, è vivace, estroversa e ideale anche per un turismo giovane.

Primo Giorno
Panorami mozzafiato dalla terrazza del Bastione Saint Remy e visita al palazzo dell'Università
 
Dai monumenti affacciati su piazza Indipendenza alla natura incontaminata dei giardini pubblici
 
Il panorama sul golfo del ristorante Corsaro a Marina Piccola
Secondo Giorno
   
Una passeggiata tra i fiori e colori dell'Orto Botanico fino ad arrivare alla statua di Carlo Felice in piazza Yenne
 
Fuga dalla città: lo stupendo scenario naturale degli stagni di Cagliari
 
Cucina etnica all'Arissa
Terzo Giorno
   
Una mattinata per curiosare tra i tipici prodotti artigianali e fare provvista delle deliziose specialità gastronomiche.
 
Puro svago: la mitica spiaggia del Poetto e l'acquapark "Fantasilandia"
 
Cena tradizionale e notte di follie in discoteca

 VEDI ANCHE:
 


 
 Cagliari

Il Bastione Saint Remy

Il porto di Cagliari

Reffigurazione di Papa Paolo V

 
 
 
Itinerario giovane
Primo Giorno

Mattina
Alla scoperta di Cagliari: si parte dal Bastione Saint Remy : al limite meridionale dell'antico quartiere Castello (su Casteddu, per la gente del posto), venne costruito a cavallo tra l'Ottocento e il Novecento e intitolato al primo viceré sabaudo governatore di Sardegna. Al sovrano Umberto I fu invece intitolata la terrazza panoramica che ne caratterizza il culmine, cui si giunge attraverso una duplice scalinata (affiancata, nell'ultimo tratto, da un androne noto come "passeggiata coperta", dove vengono organizzate mostre ed eventi temporanei). Dalla terrazza, lo sguardo spazia sui quartieri orientali della città, sui piccoli centri del Campidano, sui bastioni del Balice, sul porto e sulla costa fino al golfo degli Angeli. Un'altra breve scala dà accesso alla vicina via Università, istituzione che a Cagliari venne fondata da papa Paolo V: la costruzione del Palazzo dell'Università (che oggi ospita il Gabinetto delle Stampe, con incisioni e disegni di artisti locali) fu portata a termine nel 1769. Se poi si è alla ricerca dell'ambiente giusto per un intervallo informale e interessante, c'è nei pressi il De Candia, che in estate dispone anche di una panoramica terrazza all'aperto.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Bronzetti nuragici: statua di un capo tribù

Porta San Pancrazio

La Torre dell'Elefante

 
 
Primo Giorno
Cagliari: Itinerario giovane

Pomeriggio
Un pomeriggio a passeggio nel quartiere Castello, d'impronta urbanistica spagnola e di tratti architettonici pisani. Sulla piazza Indipendenza affaccia il Museo Archeologico Nazionale, attualmente incluso nel circuito della Cittadella dei Musei, interessante fusione di antiche strutture e di funzionali ambienti contemporanei. Di particolare interesse è la Pinacoteca Nazionale, che espone opere di artisti otto-novecenteschi e ha una sezione etnografica dedicata agli usi e costumi della gente di Sardegna. Ancora su piazza dell'Indipendenza si leva la Torre di San Pancrazio, opera di fortificazione pisana dell'inizio del Trecento, con tre lati in pietra e il quarto aperto, come la non lontana Torre dell'Elefante. Passeggiando ci si può spingere, lungo il viale Buoncammino, fino ai panoramici giardini pubblici, che inglobano il bell'edificio della Polveriera, eretto all'inizio dell'Ottocento.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Sardegna, Cagliari

 
 
Primo Giorno
Cagliari: Itinerario giovane

Sera
Una cena in un luogo pieno di fascino: è quello che promette (e mantiene) il ristorante Corsaro a Marina Piccola, dove trionfano il mare e i suoi sapori. Dalla terrazza la vista spazia sul mare davanti alla città.
 VEDI ANCHE:
   


 
 Cagliari

Anfiteatro romano

L'orto botanico di Cagliari ospita molte varietà di piante

Chiesa di Sant'Anna

 
Inizio
 
succ.
 
Itinerario giovane
Secondo Giorno

Mattina
La mattinata si dipana tra l' Anfiteatro romano, che è il più importante monumento romano di Sardegna, il vicino Orto Botanico (che, oltre alla varietà di specie floreali, locali, mediterranee ed esotiche, vanta anche i resti di tre cisterne di epoca punica) e la Necropoli di Tuvixeddu (la quale, di origine fenicio-punica ma utilizzata anche in epoca romana, custodisce splendidi esempi di pittura funeraria punica). Poi si percorre la movimentata via Azuni, dove si leva la Chiesa di Sant'Anna : innalzata su una scenografica scalinata e affiancata da due campanili, richiama inevitabilmente alla mente quella di Trinità dei Monti, a Roma. Si giunge infine a piazza Yenne, caratterizzata dalla statua di Carlo Felice, che indica a braccio teso il punto esatto in cui prende avvio l'antica strada consolare tra Cagliari e Porto Torres (della cui restaurazione egli stesso fu accanito sostenitore). Ci si può poi spingere a curiosare la fornitissima Erboristeria di Brunella Abis, sul vicino corso Vittorio Emanuele e infine concedersi una sosta all' Antico Caffè (l'ex Caffè Genovese), mitico locale di piazza della Costituzione, che fu frequentato da Sibilla Aleramo, Grazia Deledda, Gabriele D'Annunzio, Lawrence...
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Stagno di Molentargius

Lo stagno di Cagliari

Fenicotteri rosa nello stagno di Colostrai

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Cagliari: Itinerario giovane

Pomeriggio
Il pomeriggio prevede un'autentica "fuga nella natura" (impresa peraltro non difficile in una zona di vocazione naturalistica come il cagliaritano): gli stagni di Cagliari. L'area, vasta circa 5000 ettari e situata subito a ovest della città, è di particolare interesse in quanto comprende situazioni ambientali diversificate: la laguna di Santa Gilla, le saline di Macchiareddu e lo stagno di Capoterra. Di conseguenza, varia anche la vegetazione, dalle uniformi distese dei canneti alla vivacemente colorata salicornia radicans. L'avifauna è presente con straordinaria abbondanza e comprende naturalmente anatre, folaghe e cormorani, ma anche fenicotteri e avocette e specie rare quali il cavaliere d'Italia e la sterna dalle zampe nere.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Un tipico Cous Cous

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Cagliari: Itinerario giovane

Sera
Un'esperienza culinaria variegata, che spazia dalla paella al cous-cous, al kebab, alla moussaka, al tabbouli: è quella che si può (anzi, si deve!) fare all' Arissa, in via Eleonora d'Arborea, a due passi dalla centrale piazza della Costituzione.
 VEDI ANCHE:
   

 
 Cagliari

Litorale del Poetto

Veduta di Cagliari dal Monte Urpino

Santuario di Bonaria

 
Inizio
 
succ.
 
Itinerario giovane
Terzo Giorno

Mattina
In previsione di proseguire poi verso la meta del Poetto, questa mattina si coglie l'occasione di conoscere il settore orientale della città, che ancora offre luoghi di grande interesse: dall'area della Fiera Campionaria (assolutamente imperdibile quando, ad aprile-maggio, ospita la Mostra dei Prodotti di Sardegna: un autentico mondo di profumi, sapori e colori) al sito di Monte Urpino, che è un giardino pubblico lussureggiante e panoramico. In viale Bonaria, poi, s'incontrano il trecentesco Santuario di Bonaria, la cui sacrestia ospita una curiosa collezione di antichi modellini navali, e l'adiacente Basilica di Bonaria, davanti alla quale si estende un'amplissima piazza, realizzata in anni recenti per la venuta in Sardegna del papa Paolo VI. Una curiosità della zona: l'originale bottega-laboratorio Due M, dove vendono e riparano paralumi d'epoca, appliques, vecchie lampade e antichi lampadari (ne riparano anche l'impianto elettrico, oppure, se mancante, provvedono a installarlo, con spesa contenuta). E, per fare provvista di squisitezze gastronomiche locali, c'è la Latteria Italiana, che tratta non solo i latticini, ma anche i salumi, i mieli e i pregiati vini locali (tra cui il Girò di Cagliari: color rosso rubino, odore delicato, e sapore caldo e vellutato).
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Litorale del Poetto

Quartu Sant'Elena: saline

 
Inizio
prec.
succ.
 
Terzo Giorno
Cagliari: Itinerario giovane

Pomeriggio
La spiaggia "di casa" dei cagliaritani è il lido del Poetto, ampio e sabbioso, animato e vivace (da qualche anno a questa parte, il Poetto costituisce una delle più attraenti location del Rockaralis, festival della musica rock di grande richiamo, che si svolge tra la fine di giugno e l'inizio di luglio). Se poi qualcuno fosse alla ricerca delle emozioni offerte da scivoli e toboga si può spingere al Fantasilandia, l'acquapark del complesso turistico Il Monastero, in località San Geremeas, a Quartu Sant'Elena, (per informazioni 070 802200).
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Sardegna. Cagliari, chiese di Sant'Anna e San Michele

 
Inizio
prec.
 
Terzo Giorno
Cagliari: Itinerario giovane

Sera
Per cena, un locale che, in pieno centro cittadino, offre anche la possibilità di mangiare all'aperto: il Ristorante Basilio, affidabile e versatile, dalla cucina di mare a quella della tradizione contadina, per una spesa relativamente contenuta. Più tardi... a ballare! Magari al Circolo Privato Officina Autorizzata (che è in realtà un'antica dimora), oppure a Sa Illetta, un posto di fascino incredibile, sullo stagno di Santa Gilla (con musica che è tutto tranne che stagnante...).
 VEDI ANCHE: