Discoveritalia.it - Il portale turistico di Istituto Geografico De Agostini Costiera Amalfitana - dintorni di Positano
 
Sabato 16 Dicembre 2017 












Trento
Itinerario giovane
Piacevole e provinciale Trento conserva il carattere riservato e un po' chiuso delle città di montagna insieme a una vena godereccia che l'accomuna ai centri della pianura o della collina veneta. Circondata da vigneti, apprezza il buon vino, come testimoniano le numerose allegre osterie frequentate non solo da abitanti ma anche dai numerosi studenti che vengono da fuori. Nel suo tessuto urbanistico e nelle sue architetture prevalgono le tipiche, gradevoli e colorate atmosfere del Trentino.

Primo Giorno
Il cuore della città, piazza Duomo, dove si trovano antichi palazzi rinascimentali.
 
Il pomeriggio è dedicato a conoscere il più celebre monumento trentino: il Castello del Buonconsiglio.
 
La serata si può trascorrere in una delle più accattivanti enoteche di Trento.
Secondo Giorno
   
Varcando il fiume Adige, attraverso il ponte San Lorenzo, si raggiunge la svettante Chiesa di Sant'Apollinare.
 
La meta pomeridiana si trova una quindicina di chilometri a ovest di Trento: il famoso lago di Toblino.
 
In un sito romantico come il lago di Toblino, sarebbe un peccato non cogliere l'occasione di trascorrere la serata in uno dei suoi locali.

 VEDI ANCHE:
 


 
 Trento

Campanile di Santa Maria Maggiore

Via Verdi

Fontana del Nettuno

 
 
 
Itinerario giovane
Primo Giorno

Mattina
Cuore della città, la piazza del Duomo vanta la presenza del maestoso edificio del Duomo, ma anche quella di antiche case, magnificamente affrescate e accompagnate da suggestivi portici. Si tratta di Casa Balduini, dalle geometriche decorazioni pittoriche, e delle Case Cazuffi-Rella, di origine gotica, i cui cinquecenteschi affreschi sono dovuti al Fogolino. Sulla piazza spiccano due belle fontane: la fontana del Nettuno, al centro, progettata dallo scultore Francesco Antonio Giongo nella seconda metà del Settecento, e la fontana dell'Aquila, antistante le case Cazuffi-Rella. Una passeggiata lungo l'elegante e animata via Belenzani, conduce poi a via Manci, dove ci si può sbizzarrire allo store della Carrera Jeans: si trovano, oltre alla linea della produzione in corso, anche le rimanenze aziendali a prezzi scontatissimi. Nella vicina via Mazzurana, si può invece cogliere l'occasione di uno squisito shopping alimentare, alla storica Gastronomia Polla, che propone i piatti della grande tradizione trentina, in particolare i tipici canederli. Nel settore sud-occidentale della città, si trova il cinquecentesco edificio del Palazzo delle Albere, che ospita la sezione trentina del Museo d'Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto : il MART. Si tratta di un'istituzione del tutto originale, nata nel 1987 dall'unione di due importanti realtà artistiche regionali: la sezione d'Arte Contemporanea del Museo Provinciale d'Arte di Trento e la Galleria Museo Fortunato Depero, di Rovereto. Il MART si propone non solo come luogo di conservazione del patrimonio artistico e culturale (vasto e godibile), ma anche e soprattutto come centro di ricerca e di diffusione dell'esperienza artistica, con un susseguirsi di iniziative e di esperienze innovative. Dopo aver conosciuto quella che è una delle più attive istituzioni artistiche d'Italia, nella stessa zona si trova facilmente il posto per una sosta gastronomica al Ristorante-Pizzeria Nettuno: comodo e accogliente, è adatto anche a gruppi numerosi e dispone di ampio parcheggio.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Castello del Buonconsiglio

Affreschi Castello del Buonconsiglio

 
 
Primo Giorno
Trento: Itinerario giovane

Pomeriggio
Il pomeriggio è dedicato a conoscere il più celebre monumento trentino: il Castello del Buonconsiglio, che comprende una serie di edifici, realizzati a partire dal XIII secolo. Il Castello, che si staglia al bordo della collina della Cervara, venne ridotto, durante la dominazione austriaca, a caserma e a prigione: vi si possono visitare le celle in cui furono reclusi i patrioti Cesare Battisti, Damiano Chiesa e Fabio Filzi, poi giustiziati nella retrostante fossa dei Martiri. L'edificio della Marangoneria accoglie l'ex Museo Trentino del Risorgimento e della Lotta per la Libertà (oggi Museo Storico in Trento ), che conserva memorie, documenti e cimeli garibaldini e irredentisti. Conclusa la visita al Castello, ci si può poi togliere la curiosità (approfittandone per comperare qualche souvenir un po' insolito) di visitare il non lontano laboratorio Tonezzer: è un'antica bottega di artigiani del ferro battuto, in cui si trovano, tra le altre cose, splendidi attrezzi da camino, realizzati secondo di disegni tipicamente locali. Una tappa gastronomica piacevole si può fare al Dolce Corso, che dispone di una buona scelta di vini e di grappe, ma soprattutto è specializzato in ottimi e variegati dolci.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

 
 
Primo Giorno
Trento: Itinerario giovane

Sera
La serata si può trascorrere in una delle più accattivanti enoteche di Trento: Le Tire Bouchon, in via Milano, che apre solo a pomeriggio inoltrato... per chiudere molto tardi la sera!
 VEDI ANCHE:
   


 
 Trento

Portale di Santa Maria Maggiore

Palazzo Pretorio

 
Inizio
 
succ.
 
Itinerario giovane
Secondo Giorno

Mattina
Varcando il fiume Adige, attraverso il ponte San Lorenzo, si raggiunge la svettante Chiesa di Sant'Apollinare : svettante davvero, dato che presenta uno spiovente insolitamente acuto, di sapore tipicamente nordico. Con una breve camminata, si sale alla cima del Doss Trento, il bastione roccioso che domina la città. Sulla sua sommità si leva il Mausoleo di Cesare Battisti: si tratta di un colonnato circolare, eretto nel 1935 a cingere la tomba del martire trentino. A breve distanza, si trova il Museo degli Alpini, ricco di memorie, cimeli e testimonianze storiche, dal 1872, anno della nascita del Corpo degli Alpini, ad oggi. Per chi desidera fare un po' di trekking si consiglia di recarsi, appena fuori da Trento, in direzione sud-ovest, dove si trova la panoramica terrazza di Sardagna, a quota 571 metri, affacciata sulla conca di Trento. Il percorso richiede circa un'ora di cammino, ma è possibile anche usufruire della comoda funivia Ponte San Lorenzo – Belvedere Sardagna, la cui stazione di partenza è al capo orientale del ponte San Lorenzo. Al ritorno, in tema naturalistico, ci si può dedicare a un intenso shopping ecogastronomico, che a Trento si presenta in numerose varianti: dalla Bottega della Natura a Giustino il Contadino, all'Erboristeria Santoni, al Panificio Pulin, che dispone di un tipo di pane senza grassi né additivi, ai Produttori Ortofrutticoli Trentini, impegnati anche nella coltivazione biologica.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Interno Chiesa di San Lorenzo

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Trento: Itinerario giovane

Pomeriggio
La meta pomeridiana si trova una quindicina di chilometri a ovest di Trento: il famoso lago di Toblino. L'ambiente naturale è di squisita bellezza: le acque del lago appaiono d'improvviso, incastonate tra i monti della valle del Sarca. L'immagine del maniero che vi si staglia, poi, sembra quasi irreale: è il Castel Toblino, eretto su una rupe protesa nel lago. Il castello, edificato nel Medioevo e modificato nel Cinquecento, vanta una possente torre cilindrica, alta 20 metri e ha un cortile di grandissimo fascino, dal pavimento scavato nella viva roccia e, a contrasto, dalle pareti finemente affrescate.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Dolci tipici

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Trento: Itinerario giovane

Sera
In un sito romantico come il lago di Toblino, sarebbe un peccato non cogliere l'occasione di trascorrere la serata: anche perché il castello ospita un delizioso ristorante, il Castel Toblino. La specialità del posto sono i piatti di pesce di lago: le sarde di lago con i pinoli e l'uvetta e il persico in salsa; ma non mancano i piatti di selvaggina, tra cui il tradizionale capriolo ai frutti di bosco. I prezzi sono equilibrati, anche se certo non modici, ma il posto è così bello che ne vale decisamente la pena!
 VEDI ANCHE: