Discoveritalia.it - Il portale turistico di Istituto Geografico De Agostini Costiera Amalfitana - dintorni di Positano
 
Venerdì 15 Dicembre 2017 













Urbino
Itinerario giovane
Raffaello ma non solo: a Urbino le espressioni artistiche non mancano di certo. Dalla galleria nazionale delle Marche alla fortezza Albornoz, passando per l'orto botanico, si possono osservare autentici gioielli che rendono la città una preziosa perla culturale. Un centro in continuo movimento, dove la vita giovanile è resa molto attiva grazie alla presenza dell'Università e delle migliaia di studenti che la frequentano.

Primo Giorno
Attenta visita al Palazzo Ducale e sosta nei caffè di piazza Rinascimento
 
Il volto artistico della città: le botteghe artigiane del centro storico e l'antica tradizione dell'incisione
 
Buon vino e ottima musica al Caffè del Sole
Secondo Giorno
   
La Urbino di Raffaello
 
Specie rare e preziose all'Orto Botanico
 
Una serata rinascimentale all'Antica Hostaria La Balestra
Terzo Giorno
   
L'antico ghetto ebraico e la piazza del Mercatale
 
Due passi in mezzo al verde e agli studenti universitari
 
Escursione all'agriturismo "Ca' Andreana"

 VEDI ANCHE:
 


 
 Urbino

Urbino, Piazza Rinascimento e obelisco egizio

Urbino, cortile di Palazzo Ducale

 
 
 
Itinerario giovane
Primo Giorno

Mattina
La visita a Urbino non può non iniziare da piazza Duca Federico, su cui sorge il Palazzo Ducale, sede dell'imperdibile Galleria Nazionale delle Marche. Il palazzo ospita anche la Biblioteca, che conteneva un tempo alcuni codici molto rari, trasferiti a Roma quando Urbino entrò a far parte del Regno Pontificio. Sulla contigua piazza Rinascimento, attorniata da caffè e popolata sempre da frotte di studenti universitari, sarà piacevole attardarsi, godendosi il passeggio. Ancora a zonzo nel cuore del centro storico di Urbino, si può cogliere l'occasione di uno shopping alimentare di tipo biologico e naturale: a "Un Punto Macrobiotico", in via Cesare Battisti.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Urbino, la città medievale con la cinta di mura

Maiolica tipica di Urbino - Piatto risalente al 1579

Veduta di Urbino. Incisione del 1620

 
 
Primo Giorno
Urbino: Itinerario giovane

Pomeriggio
Il pomeriggio, da trascorrere in una zona cittadina d'intensissima impronta medievale, è all'insegna di botteghe e oratori. In via Mazzini si può visitare l'Oratorio di San Gregorio, dalla barocca facciata. Sulla stessa via, si trova la bella "Bottega d'Arte" (tel. 0722-327559), dove è possibile acquistare la stella ducale di Urbino, conosciuta anche come "lampada feltresca", realizzata artigianalmente su disegno di Leonardo.
Urbino ha una vocazione consolidata come laboratorio di idee e di progetti, che hanno contribuito alla cultura nazionale e internazionale. L'arte dell'incisione, ad esempio, che fin dal XVI secolo ha trovato nella città feltresca un terreno fertile e che a partire dagli anni '20 dello scorso secolo ha dato vita ad un vero e proprio fenomeno culturale con la celebrata Scuola del Libro, ancora oggi sa riservare piacevoli novità. Si è da poco inaugurato, infatti, il Centro Internazionale per l'incisione artistica , che organizza corsi tenuti da docenti di fama internazionale, per avvicinarsi o perfezionare l'antica e affascinante arte dell'incisione. Nell'era del digitale il Centro di Urbino rappresenta un'isola felice per chi vuole impossessarsi nuovamente della propria manualità e ritrovare un contatto emozionale con il media espressivo.
Riprendendo poi l'itinerario di visita, di fronte alla Chiesa di San Francesco da Paola, fatta edificare dall'ultimo duca della città Francesco Maria II della Rovere nel XVII secolo, si salgono le Scalette di San Giovanni e si guadagna l' Oratorio di San Giovanni Battista, che offre una delle più belle vedute sulla città. Poco distante c'è l' Oratorio di San Giuseppe con il suo suggestivo e commovente presepe, opera del Brandani. La giornata prosegue all'insegna della creatività.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Veduta di Urbino

 
 
Primo Giorno
Urbino: Itinerario giovane

Sera
Sulla centrale via Mazzini, il "Caffè del Sole" è il posto giusto per una serata piacevole: un ambiente gradevole, frequentazione giovane e vivace, buoni vini e, soprattutto, ottima musica!
 VEDI ANCHE:
   


 
 Urbino

Raffaello Sanzio, autoritratto

Urbino, la casa natale di Raffaello

 
Inizio
 
succ.
 
Itinerario giovane
Secondo Giorno

Mattina
La mattinata è dedicata per intero all'artista urbinate universalmente più noto: Raffaello, che nacque in questa città nel 1483, si formò alla bottega del padre e divenne uno dei maggiori pittori del Cinquecento. S'inizia da piazzale Roma, dove sorge il tardo ottocentesco monumento a Raffaello realizzato nel 1897 da Luigi Belli; alla base sono incisi episodi della vita del pittore, mentre ai lati sono scolpite le figure che rappresentano La Rinascenza e Il Genio. Si prosegue con la visita alla casa natale di Raffaello : la stanza in cui il pittore nacque è connotata dalla presenza di una Madonna col Bambino, sua preziosa opera giovanile. Proseguendo lungo via Raffaello, si raggiungono poi gli antichi bastioni, dove prende inizio quello che è noto come "giro del Cassero": una godibile passeggiata tra mura secolari e suggestivi scorci architettonici. Ancora all'insegna di Raffaello ci si può poi concedere una pausa di grande piacevolezza: al "Caffè Raffaello", appunto, nell'omonima via, al numero civico 41.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Urbino, orto botanico

Urbino, Fortezza Albornoz

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Urbino: Itinerario giovane

Pomeriggio
L'itinerario pomeridiano prende le mosse da via Bramante, ove si ammirano una settecentesca fontana, e la casa natale del papa Clemente XI. Quindi, ci si può dedicare a un'esplorazione dell' Orto Botanico, la cui fondazione risale agli albori dell'Ottocento, ricco di specie vegetative rare e preziose. Giunti infine a Porta Santa Lucia, costeggiando le mura, in direzione sud-ovest, si guadagna il panoramico Parco della Resistenza, dove sorgono la possente Fortezza Albornoz e il ferrigno monumento ai Caduti di tutte le guerre.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Veduta di Urbino (versante ovest)

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Urbino: Itinerario giovane

Sera
Per la cena si può scegliere l'Antica Hostaria La Balestra. Nel centro storico, è ospitata in un palazzo del XV secolo, eretto sulle fondamenta di un'antica casa romana. Una volta entrati, si avrà la sensazione di sedere alla tavola del Duca Federico di Montefeltro. Tutto infatti ricorda l'atmosfera della corte rinascimentale, dall'ambientazione alla scelta dei piatti, che lo chef ha voluto riscoprire tra le pietanze che allietavano la corte urbinate. Protagonista assoluta la cacciagione: lepre alla ducale, capriolo, cinghiale alla Montefeltro, agnello all'urbinate sono i piatti forti proposti dall'hostaria, senza dimenticare i prodotti d'eccellenza del territorio, come funghi porcini e il prezioso tartufo di Acqualagna. E con un occhio rivolto alla cucina contadina marchigiana, "povera" ma dalla tempra decisa, come le zuppe di cicerchie, i fagioli con le cotiche, i vincisgrassi. Il conto? Assolutamente contenuto.
 VEDI ANCHE:
   

 
 Urbino

Piazza del Mercatale, la cinta di mura

Urbino, portici lungo Corso Garibaldi

 
Inizio
 
succ.
 
Itinerario giovane
Terzo Giorno

Mattina
L'itinerario di visita della giornata inizia, nei pressi di Porta Valbona, da via Stretta: qui si trova la Sinagoga di Urbino, nel cuore dell'antico ghetto ebraico. Il quartiere nacque quando Urbino passò sotto il dominio del regno Pontificio: oggi, a connotarne l'identità, sono rimasti l'edificio della Sinagoga e la porta che ne regolava l'accesso. A breve distanza è la Piazza del Mercatale, ampio spiazzo ai piedi delle mura, dal quale parte la bella rampa elicoidale che, secondo il disegno di Francesco di Giorgio Martini, sale a gradoni verso il centro storico, conducendo ai portici di corso Garibaldi. Per il pranzo, è interessante provare la cucina alternativa (sempre più valida e varia, ormai competitiva con la gastronomia tradizionale) da "Mensa - Un punto Macrobiotico", in via Pozzo Nuovo, 4.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

L'università di Urbino

Urbino, il palazzo dell'università

 
Inizio
prec.
succ.
 
Terzo Giorno
Urbino: Itinerario giovane

Pomeriggio
Il pomeriggio prevede una passeggiata nel verde, in un'area cittadina dedicata agli studenti universitari. Partendo da Porta Valbona, si raggiunge il Colle dei Cappuccini da cui si può godere uno splendido panorama sulla città, scoprendone sempre nuovi scorci. Sul colle sorgono la Chiesa dei Cappuccini e l'attiguo Convento: gli edifici (un tempo popolati dai frati dell'ordine dei Cappuccini), appartengono all'Università di Urbino, così come il terreno circostante. L'area ospita oggi il Collegio Universitario, bell'esempio di interevento urbanistico contemporaneo, realizzato negli anni '70, su progetto dell'architetto Giancarlo De Carlo (lo stesso cui, a Urbino, è dovuta la ristrutturazione del Convento della Chiesa di Sant'Agostino, anch'essa di pertinenza dell'Università).
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Campagna nei dintorni di Urbino

 
Inizio
prec.
 
Terzo Giorno
Urbino: Itinerario giovane

Sera
La serata prevede una breve e gratificante escursione, a pochissimi chilometri da Urbino, lungo la strada per San Marino: si tratta di raggiungere, in via Gadana, "l'Agriturismo Ca' Andreana". Il locale, estremamente gradevole, offre una cucina di solida tradizione, impostata sull'utilizzo di materie prime di assoluta freschezza, lavorate con metodi biologici: insomma, un'esperienza davvero consigliabile.
 VEDI ANCHE: