Discoveritalia.it - Il portale turistico di Istituto Geografico De Agostini Costiera Amalfitana - dintorni di Positano
 
Sabato 16 Dicembre 2017 












Ancona
Itinerario giovane
Un giorno nel Parco del Conero, che non è solo natura selvaggia, macchia mediterranea e candide spiagge da Bandiera Blu, ma è zona tutta da scoprire per le sue abbazie e torri, musei e tipiche trattorie sul mare. Ritornati alla base, si parte alla scoperta di una città dalle tante facce, tutta da esplorare tra mercatini e bar storici, sopra e... sotto, dove le antiche cisterne ed i cunicoli offrono una visione del tutto particolare della storia urbana. Come particolare è il museo tattile, che prevede un originale approccio all'arte attraverso i quattro sensi normalmente "dimenticati" a favore del quinto, la vista.

Primo Giorno
La giornata trascorre nel parco del Conero, calette e baie a strapiombo su un mare verde dove tuffarsi d'estate, itinerari nella natura e birdwatching il resto dell'anno. Prima tappa il centro visite di Sirolo.
 
A cavallo, a piedi, in bicicletta o in barca: tutti i mezzi sono buoni per esplorare il Parco. Fino a raggiungere la splendida baia di Portonovo.
 
Serata a Senigallia per sbancarsi al ristorante "top" dell'inventore del susci mediterraneo Moreno Cedroni o per scatenasi al suono della musica alternativa, meglio se live, del Mama Mia.
Secondo Giorno
   
Dopo un salto al Museo della città per una ripassata divertente di qualche millennio di storia anconetana, a zonzo per la città tra mercatini, negozietti di artigiani giovani e creativi e aperitivi nei vecchi bar del centro storico. Da qui si parte anche alla scoperta dell'Ancona sotterranea.
 
Per risvegliare i sensi e gli stimoli culturali ci si sposta negli spazi aperti del parco della Cittadella e del Lazzaretto affacciato sul porto, e si prova l'esperienza unica del "museo tattile".
 
Per una full immersion nei sempre piacevoli ritmi afro-giamaicani bisogna spostarsi nell'entroterra, in direzione Jesi.

 VEDI ANCHE:
 


 
 Ancona



Falconara

 
 
 
Itinerario giovane
Primo Giorno

Mattina
Giornata nello splendido Parco Nazionale del Monte Conero, per godersi le calette e le baie a strapiombo sul mare d'estate, o seguire gli itinerari nella natura in bicicletta o a piedi il resto dell'anno. Dopo aver percorso la strada panoramica che si inerpica lungo le pendici del Monte, la visita può partire dal centro visitatori nell'arroccato paesino medievale di Sirolo, dove raccogliere tutte le indicazioni sui percorsi di carattere naturalistico ed enogastronomico della zona, e dove si trova la bella spiaggia delle Due Sorelle. Le baie e le spiagge non facilmente raggiungibili da terra hanno reso questo angolo una sorta di "segreto ben tenuto", nobilitato da testimonianze storiche e artistiche di varie epoche, che vanno dai Piceni, di cui numerosi reperti si trovano al museo di Numana, ai Romani, ai monasteri dell'anno 1000 ai fortini napoleonici. Varia anche la vegetazione, che passa dalla macchia mediterranea nei punti più esposti ai boschi di lecci, pini, carpini e rovelle.
 VEDI ANCHE:
   
   
 



Porto di Ancona

 
 
Primo Giorno
Ancona: Itinerario giovane

Pomeriggio
Proseguendo verso nord la prossima tappa è Portonovo, dove si può pranzare in splendida posizione in riva al mare al ristorante Laghetto gustando il mosciolo, la cozza del Conero. La Baia di Portonovo è probabilmente la località più nota del parco, amatissima dagli anconetani. Le falesie e i due laghetti di acqua salmastra, il Lago profondo e il Lago del Calcagno, sono un vero e proprio paradiso per le numerosissime specie di uccelli di passaggio o che nidificano in zona, tra cui falchi pellegrini, cormorani e picchi rossi. D'estate sulla famosa spiaggia c'è il Clandestino del top chef Moreno Cedroni, che delizia i bagnanti con l'ormai mitico susci mediterraneo (pesce crudo condito con olio, sugo di alici, aceto balsamico ed erbe aromatiche) e proposte a base di pesce decisamente sfiziose. Un posto perfetto per un aperitivo al tramonto. Da Portonovo si raggiunge anche, a piedi o in barca, la selvaggia spiaggia di Mezzavalle. Chi cercasse altre suggestioni, dovrà voltare le spalle al mare e dirigersi verso l'entroterra: a Massignano, nella ex cava dove sono stati istituiti interessanti itinerari geologici. O poco più avanti, a Camerana, dove nella stagione estiva aprono le Terme dell'Aspio, che utilizzano le acque di quattro sorgenti di acqua minerale salso-bromo-iodica.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Olive all'Ascolana

 
 
Primo Giorno
Ancona: Itinerario giovane

Sera
Se non è estate, per assaggiare il mitico susci mediterraneo (non è un errore, si scrive scrive proprio così!) ci si dovrà spostare a Senigallia al design restaurant la Madonnina del Pescatore, dove la cucina è di alta classe. Per divertirsi senza spendere una fortuna, pizza veloce e serata al Mama Mia, dove la buona dose di musica alternativa è assicurata.
 VEDI ANCHE:
   


 
 Ancona

Museo Archeologico

Campagna marchigiana

Loggia dei mercanti

 
Inizio
 
succ.
 
Itinerario giovane
Secondo Giorno

Mattina
La mattina trascorre nelle vie del centro storico a curiosare tra mercatini e negozietti. Prima di lanciarsi nello shopping vale la pena fare un salto nel salotto buono di piazza del Plebiscito per visitare il recente Museo della Città. I "bancarellari" sono una sorta di istituzione ad Ancona: affollano le vie del centro proponendo ogni genere di prodotti dalle 8 alle 12 il martedì e il venerdì, in corso Mazzini, in Piazza Roma e in zona Piano. Appuntamenti più "istituzionali" sono il Mercatino dell'artigianato (ultimo sabato e domenica di ogni mese, zona di piazza Cavour) e il mercatino al Rjo' dej archi (terza domenica del mese, sotto gli archi in via Marconi). Tutte da scoprire sono le strette viuzze che si aprono tra il porto e piazza del Plebiscito: è un susseguirsi di botteghe che vendono stampe, gioielleria e bigiotteria o antiquariato, spesso aperte da giovani e creativi artigiani locali provenienti dall'Istituto d'Arte cittadino dove hanno imparato a lavorare il tessuto, la pelle o il ferro, rinnovando un'antica tradizione artigianale. Sempre rimanendo in zona centro storico, una proposta più stuzzicante è un viaggio "al centro della terra" del capoluogo. Dalla grande cisterna di piazza Stamira al serbatoio dietro la fontana delle Tredici Cannelle, in piazza Plebiscito, dai cunicoli di corso Mazzini al pozzo di 20 metri sotto il viale della Vittoria, alla cisterna "la Chioccia", interrata presso via Trento, esiste infatti tutta un' Ancona sotterranea che da secoli raccoglie le acque del cielo per conservarle in vista della stagione secca. Un itinerario affascinante attraverso canali, cisterne e sotterranei per conoscere la città fin nelle sue viscere.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Veduta notturna

Campanile del SS. Sacramento

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Ancona: Itinerario giovane

Pomeriggio
si godrà di una vista unica sul capoluogo. Nella zona sorge l'originale Museo Tattile Statale Omero, che propone un percorso nella storia dell'arte utilizzando i quattro sensi (vista esclusa). Spostandosi verso il mare si arriva al Lazzaretto, simbolo della recente rinascita culturale del capoluogo: una sorta di immensa nave pentagonale attraccata al porto, dove spesso si svolgono mostre ed eventi. Le sere d'estate la suggestiva location si "apre" per il Lazzaretto Festival o il cinema all'aperto. Se invece tira vento freddo dal mare, il consiglio è infilarsi in uno dei bar del porto per scaldarsi e corroborarsi con una tradizione locale: il turchetto, caffè amaro con rhum nero e scorzetta di limone, una bevanda corroborante di origine marinara.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Seppie ripiene

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Ancona: Itinerario giovane

Sera
Per una cena gustosa e sfiziosa e un conto più che onesto nel centro storico c'è l'Osteria Teatro Strabacco (per assaggiare il mitico brodetto anconetano è necessario prenotare). La serata continua con una full immersion nei sempre piacevoli ritmi afro-giamaicani: il posto giusto è il Jamaè, a 30 km verso Jesi. In città, da provare il Thermos, dove spesso si organizzano affollati concerti.
 VEDI ANCHE: