Discoveritalia.it - Il portale turistico di Istituto Geografico De Agostini Costiera Amalfitana - dintorni di Positano
 
Sabato 16 Dicembre 2017 













Verona
Itinerario insolito
Fuori porta, lungo itinerari immersi nella natura si fa prima tappa a Soave, terra del celebre vino prodotto fra paesaggi medievali e colline incantevoli, un tempo luoghi di conquista di Signori stranieri. Poi si prosegue con il fascino della Lessinia, tra montagne e tracce di un antichissimo passato che parla di civiltà scomparse. Infine la Valpolicella da conoscere lungo i percorsi che ci conducono fra ville nobiliari e antiche pievi

Primo Giorno
Il Soave, terra di vini pregiati, di paesaggi incantevoli, castelli medievali e una storia antica
 
La cittadina medievale all'interno delle mura fra palazzi di capitani e governatori e chiese antiche
 
Storia e tradizione da scoprire attraverso i profumi fragranti dei vini e i gustosi piatti tipici
Secondo Giorno
   
Itinerario insolito in Valpolicella famosa terra dei vini, fra ville nobiliari e antiche pievi
 
Si prosegue verso Villa Torre, di ispirazione romana, la Pieve di San Giorgio, Villa del Bene e infine il Parco Cascate
 
Rientro a Verona per godersi un'atmosfera rilassata all'ombra dell'Arena, tra gustosi piatti e vino doc
Terzo Giorno
   
Le bellezze naturalistiche della Lessinia, montagne e ampie valli in cui riecheggia la storia dei Cimbri
 
I musei che testimoniano la storia millenaria della regione e il parco naturale, vero museo a cielo aperto
 
Verona, un'imperdibile atmosfera romantica in un locale storico fra le prelibatezze della cucina locale

 VEDI ANCHE:
 


 
 Verona

Uva di Soave - Apt Verona

Castello di Soave - Apt Verona

Palazzo di Giustizia - Apt Verona

 
 
 
Itinerario insolito
Primo Giorno

Mattina
Se si dice Soave si pensa immediatamente all'ameno paesaggio di colline e di vigneti da cui si produce uno dei vini più pregiati del nostro paese. Il Soave appunto, vino bianco nobile e garbato la cui storia ha origini molto antiche, ne parlava già il ministro longobardo Cassiodoro. Spingiamoci quindi oltre Verona per gustare la bellezza e il sapore caratteristici di quest'area della provincia. Scopriremo, così, durante la nostra visita che Soave è anche una graziosa cittadina medievale ricca di storia, di bellezze architettoniche oltre che paesaggistiche. Come il famoso castello scaligero, il monumento più importante e rappresentativo di Soave che domina sulla cittadina. Ottimo punto di osservazione per godersi uno dei panorami più tipici della zona: quello dell'ampia vallata sottostante. La scenografica fortificazione, che apparteneva ai signori di Verona, sorge fra il verde dei vigneti ed è un esempio di architettura militare medievale, costituita da un mastio centrale attorno a cui si sviluppa una tripla cinta muraria. Superiamo il ponte levatoio e accediamo al primo cortile che si apre dopo il portone dove possiamo ammirare i resti di un'antica chiesetta. Un secondo ingresso consente il passaggio al cortile della Madonna che prende il nome da un affresco del 1321 raffigurante la Madonna protettrice con gli angeli. Punto di attrazione è il mastio, accanto a cui sorgono gli appartamenti dei signori. Al piano terra vi sono la Sala del Corpo di Guardia, con una collezione di armi e corazze scaligere, al primo piano la Sala della Caminata, da cui si accede alla camera da letto e alla sala da pranzo, arredate secondo il gusto dell'epoca.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Palazzo Scaligero - Apt Verona

Chiesa dei Domenicani - Apt Verona

Statua di Cangrande della Scala - Apt Verona

 
 
Primo Giorno
Verona: Itinerario insolito

Pomeriggio
Proseguiamo nella visita di Soave verso piazza Antenna dove incontriamo il Palazzo di Giustizia, fatto costruire da Cansignorino della Scala nel 1375, con un'elegante loggia e finestre ogivali, e sulla cui facciata si può notare un'iscrizione che ricorda la data di costruzione. Sulla stessa piazzetta si affaccia il Palazzo Cavalli del 1411 che si contraddistingue per il suo stile gotico-veneziano, con loggia e finestre trilobate. Di fronte sorge il Duomo, dedicato a San Lorenzo, che risale agli inizi del 1300 e che nei secoli ha subito diversi rimaneggiamenti. Entriamo per ammirare i numerosi e pregiati affreschi come la Madonna e Dio Padre con I Santi Gioacchino e Rocco, di Domenico Morone, o, fra le opere di scultura, quella lignea del Redentore. Lasciamo, quindi, piazza Antenna per andare verso via Camuzzoni e ammirare il Palazzo Scaligero, oggi sede del municipio, voluto da Cansignorio della Scala nel XIV secolo, detto anche palazzo del Capitano perché era dimora del governatore della città, caratterizzato dalle torrette e dalle mura merlate. Meritano una visita, per la loro bellezza artistica, anche il Palazzo dei Conti Sambonifacio del XIII secolo, il Palazzo Pollici del XV secolo, dove trascorse parte della sua infanzia Ippolito Nievo. Accanto agli edifici signorili di rilievo storico sono anche quelli religiosi, in particolare la Chiesa di Santa Maria di Montesanto o dei Domenicani, giunta fino a noi senza troppe modifiche. Il tempio sorge a pochi passi da piazza Antenna, lungo la scalinata che conduce al castello. Le parti rinascimentali sono opera di Fra' Giocondo e al suo interno si conservano ancora due importanti affreschi: il ciclo di Lazzaro e una Storia di Maria. Da notare anche il campanile snello con una cella campanaria a bifore. Oggi la chiesa è sconsacrata e ospita mostre temporanee e iniziative culturali.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Enoteca Segreta - Verona

 
 
Primo Giorno
Verona: Itinerario insolito

Sera
La sera per degustare l'ottimo vino di produzione locale si può rientrare a Verona all'Enoteca del Soave, in via Roma, o cenare in uno di migliori ristoranti cittadini, il l' Antico Caffè Dante, caffè e ristorante storici.
 VEDI ANCHE:
   


 
 Verona

Villa Santa Sofia  - Apt Verona

Villa Rizzardi - Apt Verona

Pieve di San Floriano - Apt Verona

 
Inizio
 
succ.
 
Itinerario insolito
Secondo Giorno

Mattina
Fra il Lago di Garda e Verona si estende la regione della Valpolicella, territorio di colline e corsi d'acqua, che oltre alla produzione di vini è famoso per le cave di marmo e di pietra. Nel corso dei secoli, e soprattutto fra il XVI e il XVIII secolo, da queste materie prime abili artigiani e costruttori locali hanno realizzato alcune famose ville e pievi di grande interesse artistico e storico che possiamo visitare spingendoci attraversi un itinerario fra i colli. Partiamo quindi da Verona e superiamo il paese di Arbizzano, giunti a Novare ci fermiamo per ammirare Villa Mosconi, costruita verso la metà del Settecento da Adriano Cristofoli. L'elegante dimora, che sorge in una conca di rara bellezza, è sede di una famosa azienda vinicola dove degustare il vino locale. La tappa successiva è Pedemonte, dove, immersa in un ampio parco, troviamo Villa Santa Sofia. In origine il progetto fu affidato a Palladio, ma dell'idea originaria fu realizzato solo il corpo centrale, con porticato e loggia, sorretti da colonne ioniche. Altra villa di interesse in zona è Villa Rizzardi a Poiega, di cui è molto conosciuto il parco, uno dei migliori esempi di giardino all'italiana, realizzato da Luigi Trezza nel 1783. Il giardino è disposto su tre livelli, occupa una superficie di più di 5 ettari ed è circondato da un'ampia distesa di vigneti. Da non perdere durante la visita del giardino, il boschetto, l'agrumeto, il tempietto, il belvedere e il teatro. Lasciamo questo centro per dirigerci verso San Floriano dove possiamo visitare la Pieve romanica di San Floriano, eretta nel 1120 sul luogo in cui sorgeva un tempietto pagano e una chiesa longobarda-carolingia. L'edificio ha una facciata in tufo e pietra e all'interno è a tre navate.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Villa della Torre - Apt Verona

Pieve di San Giorgio - Apt Verona

Villa del Bene - Apt Verona

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Verona: Itinerario insolito

Pomeriggio
Riprendiamo il percorso e oltrepassiamo Fiumane per visitare Villa della Torre, il cui schema ricorda quello delle ville romane. Infatti è caratterizzata dalla successione di tre cortili degradanti e dalla disposizione delle stanze intorno al peristilio. Di interesse sono la fontana che sorge al centro del peristilio e i camini-mascheroni che si trovano in tre delle stanze. Ulteriore tappa del nostro itinerario è San Giorgio, dove sorge una famosa Pieve che fu eretta nel VII secolo e successivamente ampliata nel Duecento. La chiesa in stile romanico è caratterizzata da un elegante campanile e un chiostro ancora ben conservato. Ma la vera particolarità di questo edificio è sicuramente la doppia terminazione absidale: sul lato occidentale all'abside corrisponde l'entrata della chiesa, mentre sul lato orientale la parate è costituita da una triplice abside. Di pericolare interesse è il ciborio longobardo del 712. Da non perdere nella canonica il Museo che espone reperti retici e romani. Proseguiamo per raggiungere Villa del Bene, che si trova a Volargne, non molto lontano da San Giorgio, e vicino al fiume Adige. La villa fu costruita nel XV secolo, ma vi intervenne nel 1515 Sanmicheli, che realizzò il portale d'ingresso. L'edificio a due piani è caratterizzato da un portico e una loggia e un salone centrale di stile veneziano. Di rilievo sono poi alcuni affreschi visibili nella loggia, nella scala e in alcune stanze del piano nobile. Ma le attrazioni della Valpolicella sono anche paesaggistiche e se non si vuole perdere uno dei luoghi più belli e suggestivi della regione si può andare verso nord, fino a Molina per ammirare i sorprendenti giochi d'acqua nel Parco Cascate.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Listòn - Verona

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Verona: Itinerario insolito

Sera
Una volta a Verona possiamo concederci un meritato relax magari andando a cena al ristorante Tre Marchetti dove gustare delle ottime fettuccine ai porcini, il baccalà alla vicentina o la classica pastissada. In seguito ci si può recare in piazza Brà fra l'accogliente atmosfera del Listòn e i suoi locali e l'imponente mole dell' Arena e dei Palazzi Storici.
 VEDI ANCHE:
   

 
 Verona

Museo dei Cimbri - Apt Verona

Grotta calcarea - Apt Verona

Montagne della Lessinia - Apt Verona

 
Inizio
 
succ.
 
Itinerario insolito
Terzo Giorno

Mattina
Verso la Lessinia inizia il viaggio nella natura, in quest'area che sorge a nord di Verona, ricca di prati e boschi, cime e valli in cui si è fatto secolare il rapporto l'uomo e l'ambiente. Dalla città dirigiamoci verso Velo Veronese, lungo il tragitto possiamo notare come cambia il paesaggio, dove le alture aumentano e si fanno più ripide. La cittadina, immersa in una natura morfologicamente molto varia, è l'antico capoluogo della comunità cimbra, come è testimoniato ancora dalla segnaletica stradale, per raggiungere le vicine contrade, che riporta nomi tipicamente cimbri. Da Velo Veronese possiamo notare l'altura che sovrasta il paesaggio circostante, il Monte Purga (il cui nome deriverebbe da perg che significa montagna). In quest'area restano tracce di una comunità dell'età del ferro, in seguito vi costruirono una fortificazione i Romani e oggi vi sorge una piccola cappella ex voto dedicata a San Carlo Borromeo. Poco distante da qui è Camposilvano dove ci si può recare a visitare il Museo dei Fossili allestito all'interno di un vecchio fabbricato rurale. Al suo interno si possono ammirare i reperti fossili di ere geologiche diverse, resti dell'Ursus speleus, una ricca collezione di ceramiche, armi e manufatti. Oltre al museo un altro elemento di interesse è il Covolo: un enorme pozzo, profondo 83 metri, di grande suggestione, creatosi in seguito al crollo naturale di una grotta la cui roccia calcarea è stata erosa dall'acqua, tipico fenomeno carsico. Un altro esempio si può osservare nella Valle delle Sfingi, ad un chilometro da Camposilvano. L'area è caratterizzata da rocce affiorate in seguito allo sprofondamento della roccia per azione erosiva dell'acqua nei millenni. L'esito è uno spettacolare paesaggio in cui emergono sculture naturali.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Fossili del Museo Civico - Apt Verona

Sport nella Lessinia - Apt Verona

Formaggio della Lessinia - Apt Verona

 
Inizio
prec.
succ.
 
Terzo Giorno
Verona: Itinerario insolito

Pomeriggio
Lasciamo Camposilvano per recarci a San Giorgio, una delle mete preferite dai veronesi soprattutto per gli sport invernali. Il paesaggio è uno dei più belli della Lessinia e in primavera e in estate l'ideale è scoprirlo magari durante una passeggiata a cavallo. Poco lontano da qui si trova, invece, Bosco Chiesanuova, rinomato centro della Valpatena, ribattezzato "perla della Lessinia" per le sue caratteristiche fisiche e climatiche che lo fanno apprezzare tanto in estate che in inverno. Luogo di interesse è il Museo Civico "la Lessinia, l'uomo e l'ambiente", dedicato al legame millenario fra l'uomo e questo territorio, come i processi di lavorazione del ghiaccio, della calce e del carbone. L'antica arte di queste lavorazioni è testimoniata dalla presenza delle giasare (ghiacciaie), strutture circolari in pietra facilmente individuabili durante le escursioni in montagna, e delle calcare, primitivi altiforni per la produzione della calce. L'intera regione offre una ricchezza storica e ambientale di immenso valore per la cui salvaguardia è stato istituito un Parco Naturale gestito dalla Comunità Montana della Lessinia. Il percorso conoscitivo si sviluppa attraverso un territorio che si estende per 13 comuni dell'area, seguendo le indicazioni scritte su 28 pannelli di marmo con una breve descrizione del luogo, create dall'ente di gestione del parco. Non solo natura e storia, anche la tradizione enogastronomica di questi luoghi è molto apprezzata. Il latte e i formaggi, ad esempio, ma anche i vini pregiati come i Lessini doc.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Ristorante I Dodici Apostoli - Verona

 
Inizio
prec.
 
Terzo Giorno
Verona: Itinerario insolito

Sera
La sera rientrati in città per calarsi in un'atmosfera tipicamente veronese si può andare a cena al ristorante storico I dodici apostoli, dove poter apprezzare i sapori della cucina locale. Per il dopocena si può fare una passeggiata nella suggestiva piazza delle Erbe e consumare magari un drink al Caffè delle Erbe, dove si suona dal vivo.
 VEDI ANCHE: