Discoveritalia.it - Il portale turistico di Istituto Geografico De Agostini Costiera Amalfitana - dintorni di Positano
 
Venerdì 15 Dicembre 2017 













Pisa
Itinerario insolito
Viaggio attraverso una Pisa inconsueta, che prende le mosse da un luogo "tradizionale" (la Piazza dei Miracoli) per spostarsi lungo le sponde dell'Arno e fuori città, verso il Parco Regionale di Migliarino e in direzione di graziose località quali San Giuliano Terme e la piccola cittadina di Calci. Scopriamo le sorprese che ci riserva una città così ricca di spunti culturali e turistici.

Primo Giorno
Visita al Camposanto Monumentale e al Museo delle Sinopie
 
Due passi sui lungarni orientali della città
 
Aperitivo sul lungarno Mediceo
Secondo Giorno
   
Il Palazzo Reale e l'Arsenale Mediceo
 
Nell'oasi del Parco Naturale Regionale Migliarino-San Rossore-Massaciuccoli
 
Cena nel cuore del Parco naturale
Terzo Giorno
   
San Giuliano Terme e le cime montuose dei dintorni
 
La Pieve di Calci e la Certosa di Pisa
 
Una pizza a Ghezzano

 VEDI ANCHE:
 


 
 Pisa

Pisa, Camposanto monumentale

Torre Pendente

Particolare dell'interno del Duomo di Pisa

 
 
 
Itinerario insolito
Primo Giorno

Mattina
La piazza dei Miracoli: il Duomo, il Battistero, la Torre Pendente e, a delimitare il lato settentrionale della meravigliosa scenografia, il Camposanto Monumentale. Venne realizzato da Giovanni di Simone alla fine del XIII secolo, sul luogo dell'antico cimitero che si vuole celi la "terra santa" portata dai Crociati di ritorno dalla Palestina, nel 1200. Il Camposanto si trovò a subire enormi danni a causa degli eventi bellici della Seconda Guerra Mondiale: durante i successivi lunghi restauri, vennero portati alla luce importanti reperti, attualmente esposti nel Museo delle Sinopie. Le sinopie sono disegni preparatori per affreschi, realizzati con terra rossa che si diceva (probabilmente, a torto...) provenisse dalla città di Sinope, in Turchia. Il Museo custodisce una grande quantità di sinopie di artisti quali Traini, Gozzoli, Taddeo Gaddi, Spinello Aretino, Piero di Puccio, Buonamico di Buffalmacco. Dopo la visita al Museo, ci si può spingere fino all'Arno, e, in previsione di un pomeriggio itinerante e panoramico, concedersi una sosta ritemprante, ad esempio all'Amaltea Cafè, nel tratto del lungarno Mediceo.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Piazza Garibaldi

Lungarno Mediceo

Ponte di Mezzo

 
 
Primo Giorno
Pisa: Itinerario insolito

Pomeriggio
Scelta curiosa e gratificante, quella di trascorrere il pomeriggio passeggiando sui lungarni orientali della città. Si parte da piazza Garibaldi, che di Pisa è il baricentro, e si imbocca, verso oriente, il lungarno Mediceo, incontrando presto la Chiesa di San Pietro in Vinculis, più comunemente conosciuta come "San Pierino". Più oltre sono il Palazzo Toscanelli, il Palazzo dei Medici e il Museo Nazionale di San Matteo, con le sue importanti raccolte di opere d'arte. Quindi, tramite il ponte della Fortezza, si attraversa il fiume verso il lungarno Galileo Galilei, da cui facilmente si raggiunge la Chiesa di San Martino, sorta nell'XI secolo e rimaneggiata nel XIV, che vanta una bella facciata marmorea con timpano triangolare; l'interno, a navata unica, custodisce, tra pregevoli opere, un ciclo di affreschi di Giovanni di Nicola e una Madonna col Bambino del Guardi. Nei pressi si trova la piccola piazza che ospita, a un livello sottostante quello del manto stradale, la Chiesa del Santo Sepolcro, edificata nel 1153 dal Diotisalvi. Un altro breve tragitto porta alle Logge di Banchi, seicentesca costruzione su dodici pilastri, nata come sede di mercato della lana e della seta. A due passi è il trecentesco Palazzo Gambacorti, quasi dirimpetto al ponte di Mezzo che di nuovo conduce alla piazza Garibaldi da cui la passeggiata ha preso inizio.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Lungarno Mediceo

 
 
Primo Giorno
Pisa: Itinerario insolito

Sera
Ancora sul lungarno Mediceo, si può trascorrere una serata interessante alla Caffetteria Pietromani, il locale forse più di tendenza di tutta la città: ambiente brillante, vivace, frizzante... il posto giusto, insomma, per concludere una prima giornata pisana.
 VEDI ANCHE:
   


 
 Pisa

Lungarno Pacinotti, dove è situato il Palazzo Reale

Pisa, Arsenale

Piazza Garibaldi

 
Inizio
 
succ.
 
Itinerario insolito
Secondo Giorno

Mattina
Con l'intento di proseguire nella scoperta dei lungarni di Pisa, si parte ancora da piazza Garibaldi, volgendo però a occidente, verso il Palazzo Reale. Il retro dell'edificio è unito da un archivolto alla Chiesa di San Nicola, risalente alla seconda metà del XII secolo, accompagnata da un campanile che presenta una singolare e accentuata inclinazione (e la cui struttura interna pare aver ispirato il Bramante nel progettare la scala del Belvedere in Vaticano e il Sangallo nell'ideare il pozzo di San Patrizio a Orvieto). Oltre il ponte Solferino, poi, si entra, sul lungarno Simonelli, nell'area dell'antico Arsenale Mediceo : qui si può visitare una notevole esposizione, di recente realizzazione, che ripristina la tangibile realtà dell'antico porto etrusco e romano di Pisa. Si tratta di una mostra permanente che espone i reperti e le ricostruzioni delle sedici navi pisane rinvenute nel dicembre del 1998, durante lavori di scavo vicino alla stazione ferroviaria di San Rossore: le navi appaiono incredibilmente intatte, così come perfettamente conservati sono i loro preziosi carichi. Sull'argomento della mostra, che con il procedere delle ricerche andrà arricchendosi ulteriormente, esiste anche un sito internet. Dopo palazzi e chiese, arsenali e campanili, ci si potrà infine concedere lo sfizio di una sosta al Bar Lo Sfizio, frequentato da giovani e studenti, nella suggestiva cornice di Borgo Stretto. Per chi invece cercasse, alla meritata pausa, un contorno di elevato tenore, a portata di mano è il Caffè dell'Ussero, ospitato dal nobile Palazzo Agostini, e resistere alla tentazione sarebbe un vero peccato...
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Parco Naturale Regionale Migliarino, San Rossore, Massaciuccoli

Lago di Massaciuccoli

Villa Ginori nel Parco Naturale Regionale Migliarino, San Rossore, Massaciuccoli

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Pisa: Itinerario insolito

Pomeriggio
Il pomeriggio è dedicato alla scoperta di un ambiente costiero incontaminato e prezioso, quello del Parco Naturale Regionale Migliarino-San Rossore- Massaciuccoli. Il Parco tutela 14 245 ettari di ambienti lagunari, bacini lacustri, cordoni dunali, tomboli sabbiosi, tratti boschivi e folte pinete. All'interno, nel singolare edificio denominato La Sterpaia, è possibile prendere visione di materiale didattico approfondito e vario, così come si possono acquistare prodotti di agricoltura biologica provenienti dal territorio del parco stesso: ad esempio, gli squisiti pinoli e il profumato miele locale. Inoltre, vi si prenotano visite guidate, non solo a piedi, in bicicletta o in pullman, ma anche in barca, sul lago di Massaciuccoli, oppure a cavallo, o persino in carrozza.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Parco Naturale Regionale Migliarino, San Rossore, Massaciuccoli

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Pisa: Itinerario insolito

Sera
La serata può proseguire, nel cuore stesso del Parco, al Ristorante da Poldino, nei dintorni dell'Ippodromo, specializzato nella più tipica cucina toscana e in particolare nei piatti di cacciagione; il locale, a prezzi piuttosto contenuti, offre anche la possibilità di cenare all'aperto.
 VEDI ANCHE:
   

 
 Pisa

San Giuliano, palazzo delle terme

San Giuliano Terme

 
Inizio
 
succ.
 
Itinerario insolito
Terzo Giorno

Mattina
Pisa è situata nella piana alluvionale dell'Arno, tra il mare e il monte Pisano. Se è quasi ovvio, dal centro cittadino, dirigersi al mare, più inconsueta invece è una gita al monte Pisano. L'itinerario può volgere a San Giuliano Terme, nota stazione climatica situata sulle pendici nord-occidentali dei colli che costituiscono il monte Pisano. La località è famosa per le sue terme che, ospitate da un settecentesco edificio, sfruttano le proprietà terapeutiche di sorgenti solfato-alcaline. Le possibilità escursionistiche nei dintorni comprendono l'ascensione alla panoramica cima del monte Faeta, oppure al monte Castellare, la cui origine vulcanica è testimoniata dalla presenza di numerosi piccoli antichi crateri, o ancora al monte Serra, il più elevato del gruppo. Meritata pausa è quella che si può effettuare, in località Rigoli, al Ristorante da Sergio a Villa di Corliano : cucina tradizionale di buon livello, in un ambiente reso ancor più gradevole dalla bellezza del parco che lo circonda.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Calci, Certosa di Pisa

Pieve di Calci

Calci, Certosa di Pisa

 
Inizio
prec.
succ.
 
Terzo Giorno
Pisa: Itinerario insolito

Pomeriggio
Si può puntare ora a Calci, una graziosa località di quasi 5000 abitanti, che vanta una bella Pieve risalente all'XI secolo, fiancheggiata da un maestoso campanile. Una breve passeggiata conduce da Calci al Convento di Nicosia, la cui facciata è ornata da un duecentesco affresco. Un percorso più impegnativo conduce invece al monte Verruca, sulla cui vetta si erge suggestiva la Rocca, antico baluardo pisano. Imperdibile è poi la visita alla Certosa di Pisa, risalente al 1366: il vasto complesso monumentale racchiude innumerevoli opere d'arte ed è sede del Museo di Storia Naturale e del Territorio.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Pizzeria

 
Inizio
prec.
 
Terzo Giorno
Pisa: Itinerario insolito

Sera
Sulla strada del ritorno verso Pisa, un locale curioso, che offre la possibilità di mangiare all'aperto a prezzi decisamente abbordabili, con un'ottima scelta di antipasti e un'ampia varietà di pizze, è il I 3 Elisei, a Ghezzano.
 VEDI ANCHE: