Discoveritalia.it - Il portale turistico di Istituto Geografico De Agostini Costiera Amalfitana - dintorni di Positano
 
Martedì 12 Dicembre 2017 













Brescia
Itinerario insolito
Botti dei vini doc - Apt Brescia
I posti da non perdere fuori Brescia, dalla Franciacorta al Lago di Garda una scoperta di sapori e terre molto diversi fra loro. Le dimore di villeggiatura dei nobili bresciani, i Musei del vino e della donna, le acque termali e la migliore tradizione enogastronomica locale. I paesaggi del Mella e dell'Oglio.

Primo Giorno
Le ville di Rezzato e Ciliverghe di Mazzano, il Museo del vino e del cavatappi e quello della donna
 
Gita sul Lago di Garda, il golfo di Salò, la visita dell'elegante città e del Duomo in stile gotico
 
Cena in piazzetta a Salò e passeggiata sul lungolago per lasciarsi rapire dal panorama
Secondo Giorno
   
La Franciacorta terra dei pregiati vini doc e dove si sfruttano i principi delle acque termali
 
Erbusco con la Pieve di Santa Maria, le nobili dimore di villeggiatura dei bresciani e Villa Lechi
 
Cena presso uno dei ristoranti più eccellenti della zona con una cucina elegante e raffinata
Terzo Giorno
   
La bassa bresciana e il fiume Oglio, poi Seniga con la Pieve di S. Maria Comella e Villa Fenaroli
 
In bici lungo il Mella, passeggiata sui Ronchi o sulle alture del Monte Maddalena che domina Brescia
 
Cena a base di pesce in collina, una postazione da cui si gode della vista sulla città

 VEDI ANCHE:
 


 
 Brescia

Museo della Donna

Villa Fenaroli di Rezzato - Apt Brescia

Museo del vino di Ciliverghe di Mazzano

 
 
 
Itinerario insolito
Primo Giorno

Mattina
Non solo Brescia ma anche i suoi dintorni riservano notevoli sorprese al visitatore, luoghi che conservano ancora antiche tradizioni e un ricco patrimonio storico e artistico. Molte sono le destinazioni valide per una gita fuori porta e ciascuna con una sua peculiarità. Partiamo da Rezzato a pochi chilometri da Brescia. In questo piccolo centro si trova una delle dimore nobiliari più prestigiose della zona, si tratta di Villa Fenaroli, costruita nel Settecento ai piedi della collina di Bacco, con la sua imponente scalinata dal grande effetto scenografico. Da Rezzato si raggiunge agevolmente Ciliverghe di Mazzano, un piccolo centro abitato non distante da Brescia con un'antica tradizione vinicola che sicuramente solleticherà l'interesse degli estimatori di vini locali. Ma una gita a Ciliverghe di Mazzano è un'occasione interessante anche per visitare i due musei della città all'interno dei Musei Mazzucchelli, di gusto palladiano. Uno è il Museo del vino e dei cavatappi, che raccoglie 25mila pezzi d'epoca testimonianza della lunga tradizione vinicola della zona, dal Cinquecento al Novecento. L'altro, invece, è il Museo della donna e del bambino una collezione che testimonia l'evoluzione del modo di vivere negli ultimi due secoli.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Veduta di Salò - Apt Brescia

Duomo di Salò - Apt Brescia

Pesce del Garda - Apt Brescia

 
 
Primo Giorno
Brescia: Itinerario insolito

Pomeriggio
La gita fuori porta prosegue verso il lago di Garda che si raggiunge in circa mezz'ora di strada. La destinazione è Salò celebre cittadina situata sulla sponda occidentale del lago, che si affaccia sul golfo omonimo. Facciamo un giro nel centro storico con le eleganti boutiques per ammirare il Palazzo della Magnifica Patria, il Palazzo Fantoni, sede di una ricca biblioteca che custodisce ben 25 mila volumi tra manoscritti del Duecento e incunaboli del Cinquecento, e il Museo Storico del Nastro Azzurro. Tra le bellezze architettoniche si segnala il Duomo, in stile tardo gotico, che ospita capolavori del Veneziano, del Moretto e altri famosi artisti. È dalle zone del Garda che provengo alcuni dei prodotti più importanti e più noti della tradizione enogastronomica bresciana: agrumi, pesci di acqua dolce, di cui è ricca la cucina locale, e poi il finissimo olio d'extravergine d'oliva e i pregiatissimi vini rossi e bianchi del Garda. La sosta a Salò è l'occasione per fare qualche acquisto che delizia il palato.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Lungolago di Salò - Apt Brescia

 
 
Primo Giorno
Brescia: Itinerario insolito

Sera
Se si volesse decidere di cenare sul lago prima di rientrare a Brescia uno dei ristoranti più rinomati in città è Al Cantinone, nella graziosa piazza di Sant'Antonio. Di immenso fascino è il lungolago che vale la pena percorrere in passeggiata, per lasciarsi stupire dall'affascinate panorama.
 VEDI ANCHE:
   


 
 Brescia

Uva in Franciacorta - Apt Brescia

Terme di Ome, Franciacorta - Apt Brescia

Verde nella Franciacorta

 
Inizio
 
succ.
 
Itinerario insolito
Secondo Giorno

Mattina
Proseguendo la scoperta attraverso alcune amene località in prossimità di Brescia scegliamo come destinazione la Franciacorta. Ci si inoltra così nella celebre regione dei vini, fitta di i filari di viti, di piccoli borghi, castelli, abbazie e ville patrizie: un affascinante itinerario di 80 chilometri tra le colline. Lungo il percorso incontriamo la cittadina di Cellatica, dove si produce il Cellatica doc, uno dei vini più pregiati del bresciano. Durante la visita dell'area vinicola si può compiere una deviazione per ammirare il celebre Santuario della Madonna della Stella. Non solo la passione per i vini ma altri interessi possono condurre da queste parti, come scopriamo proseguendo verso la prossima meta: si tratta di Ome, località rinomata termale che sfrutta i benefici effetti delle acque provenienti della Fonte del Maglio. Nei pressi del centro abitato si può visitare l'Orto Botanico delle conifere, una minuscola collezione di conifere in località Paradiso, che si raggiunge con una piacevole passeggiata dal centro di Ome seguendo le segnalazioni.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Pieve di Santa Maria di Erbusco - Apt Brescia

Villa Lechi di Erbusco - Apt Brescia

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Brescia: Itinerario insolito

Pomeriggio
Dedichiamo il pomeriggio alla visita di Erbusco, una piccola cittadina in cui si respira ancora un'atmosfera a metà fra medievale e rinascimentale, che fu assunta a luogo di villeggiatura nel passato dai nobili bresciani. La città è anche uno dei maggiori centri di produzione vinicola e sede di importanti aziende agricole della Franciacorta. Uno dei monumenti di maggiore interesse a Erbusco è la Pieve di Santa Maria, chiesa edificata nel IX dove si possono ammirare gli affreschi realizzati da allievi della scuola di Gentile da Fabriano. Al centro della cittadina si conservano ancora alcuni resti dell'antico castello, individuabili in via Balucanti: un portale con le feritoie per il ponte levatoio e i resti di una torre. Proseguendo la visita in città si possono incontrare alcune dimore nobiliari come Villa Negroboni, in via Cavour, palazzo Chizzola Marchetti o casa Metalli, ma da non perdere è Villa Lechi, nella verde campagna di Erbusco con la sua l'imponente mole di in stile neoclassico di chiara ispirazione palladiana.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Casoncelli di Gialtiero Marchesi

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Brescia: Itinerario insolito

Sera
Se ci trova da queste parti non si può fare a meno di segnalare l'eccellente ristorante di Gualtiero Marchesi, dove gustare una cucina raffinata, ma va detto anche costosa, che si ispira ai piatti locali.
 VEDI ANCHE:
   

 
 Brescia

Palazzo della Loggia

Villa Fenaroli a Seniga - Apt Brescia

Santa Maria Comella di Seniga - Apt Brescia

 
Inizio
 
succ.
 
Itinerario insolito
Terzo Giorno

Mattina
Un'interessante gita fuori porta ci conduce a circa 37 chilometri da Brescia, sulle sponde del fiume Oglio. La zona è quella della bassa bresciana, area pianeggiante della provincia, che fu zona di insediamento delle popolazioni celtiche a partire dal VI secolo e territorio dei monaci, in seguito, che qui avviarono notevoli opere di bonifica. La pianura è rinomata, oltre che per la natura, anche per la produzione di formaggi che si possono acquistare nei caseifici o nei cascinali. Proseguendo verso sud si arriva all'antica cittadina di Seniga lambita dalle acque del fiume Oglio. Il centro è famoso per due monumenti in particolare la Pieve di Santa Maria Comella, che risale al XIII secolo, e Villa Fenaroli, che fu eretta nello stesso luogo in cui sorgeva un antico castello. Dalla facciata dell'edificio un terrazzo scende verso il fiume Oglio fra piante secolari.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Monte Maddalena

In bici lungo il Mella - Apt Brescia

Cupola del Duomo Nuovo

 
Inizio
prec.
succ.
 
Terzo Giorno
Brescia: Itinerario insolito

Pomeriggio
Se non ci si volesse allontanare troppo dalla città si può optare per una escursione in bicicletta immersi nella natura lungo il fiume Mella. È risaputo che nel tratto più vicino alla città le sponde e le acque del fiume non hanno goduto del massimo rispetto. Tuttavia esistono dei percorsi ciclabili da poter seguire lungo le sponde in direzione nord che guidano alla scoperta di paesaggi inediti e di una natura intatta. Un'escursione interessante può essere rappresentata dalla passeggiata attraverso i Ronchi, il cui nome significa orti, una serie di colline che fanno da cornice alla città, o sul Monte Maddalena che la sovrasta. Da entrambe le alture si gode del panorama cittadino da cui spiccano la cupola del Palazzo della Loggia, la Torre del Broletto, la cupola del Duomo e il Castello. Lungo il tragitto si incontrano svariati punti di ristoro dove gustare le specialità dell'enogastronomia bresciana con sorprendenti piatti a base di pesce. Da queste parti è molto famosa la tinca.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

La Tinca - Apt Brescia

 
Inizio
prec.
 
Terzo Giorno
Brescia: Itinerario insolito

Sera
Se per cena si rientra in città e si desidera gustare qualche piatto a base di pesce sulla collina ad ovest di Brescia si trova un ristorante originale Convento Sant'Anna. La collocazione è molto affascinante, da qui infatti si domina l'intera città.
 VEDI ANCHE: