Discoveritalia.it - Il portale turistico di Istituto Geografico De Agostini Costiera Amalfitana - dintorni di Positano
 
Venerdì 15 Dicembre 2017 













Reggio Calabria
Itinerario classico
Alla scoperta di una città dalla storia antichissima, ma dall'assetto moderno, con belle strade a scacchiera e quartieri residenziali sui colli.
Affacciati sul lungomare, vanto della città, si può ancora ammirare uno spettacolo misterioso e suggestivo, chiamato "fata Morgana": un fenomeno di miraggi ottici avvicina la costa della Sicilia e crea in mare immagini di città fantastiche dalle forme irreali.
L'antico e glorioso passato della città si può rivivere in tutto il suo splendore al Museo Archeologico Nazionale, un piccolo ma ricchissimo angolo di Magna Grecia ancora intatto.
Fra i reperti più conosciuti i famosi Bronzi di Riace e la cosiddetta Testa di filosofo, risalenti circa al V secolo a.C.

Primo Giorno
Alla scoperta delle antiche vestigia: il castello aragonese, la chiesa degli Ottimati e il duomo.
 
Un angolo di paradiso nella Villa Comunale.
 
Cena piccante secondo la più classica cucina calabrese, abituata ai sapori forti e decisi.
Secondo Giorno
   
Al Museo Archeologico Nazionale ci si immerge nella storia della Calabria.
 
Una passeggiata tra mare e natura in corso Matteotti, una sorta di orto botanico sempre aperto con una splendida vista sullo Ionio.
Visita alle mura greche e alle antiche terme romane.
 
La musica al Teatro Comunale Francesco Cilea.

 VEDI ANCHE:
 


 
 Reggio Calabria

Castello aragonese

Cappella barocca del Duomo

 
 
 
Itinerario classico
Primo Giorno

Mattina
Il viaggio alla scoperta delle antiche testimonianze della città inizia in via Cimino, con una visita alle rovine del castello aragonese, fortezza medievale dalle mura imponenti e dalle tipiche torri, a base circolare, situata nella parte superiore di Reggio Calabria.
Dall'altra parte della via Cimino, proprio sotto il castello, si erge la piccola chiesa degli Ottimati, un vero gioiello di sobrietà, arricchito solo da coloratissime vetrate.
Scendendo ancora lungo via Cimino, in direzione di via Spano, si giunge alla piazza del Duomo, dove troneggia la ricostruita cattedrale della città. Sulla scalinata antistante l'ampia facciata del duomo, riedificato in stile liberamente ispirato al romanico, due sculture di Francesco Jerace rappresentano i santi Paolo e Stefano.
L'interno, a tre navate, custodisce sepolcri seicenteschi di vescovi e un pulpito marmoreo opera ancora di Francesco Jerace.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Lungomare

 
 
Primo Giorno
Reggio Calabria: Itinerario classico

Pomeriggio
Dopo il mistico silenzio delle chiese, un altro angolo di paradiso, questa volta a cielo aperto, immerso nella città. La Villa Comunale, situata fra corso Garibaldi e Lungomare Matteotti, offre ai visitatori un'oasi di pace e tranquillità al centro della movimentata vita cittadina.
All'interno del giardino è possibile ammirare, oltre alle rigogliose piante ornamentali e floreali, anche opere d'arte come busti neoclassici, spezzoni di colonne e l'arco di un portale risalente al XIV secolo.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Mostaccioli

 
 
Primo Giorno
Reggio Calabria: Itinerario classico

Sera
La cucina tradizionale calabrese è semplice e dai gusti decisi. Non è un caso, quindi, che nella preparazione dei piatti si faccia un grande uso del peperoncino, oltre che del buon olio d'oliva extravergine prodotto in queste terre.
Fra gli assaggi doverosi la soppressata, il capicollo, i filetti, la 'nduja (salame piccante) e la rosamarina, nota anche come il "caviale del Sud" (sardella neonata al peperoncino).
E naturalemente il pesce, cucinato nei modi più diversi e gustosi.

Per assaggiare dell'ottimo pesce merita una serata il ristorante La Baita, che a dispetto del nome si trova quasi sulla spiaggia.
La cucina è solo di pesce; ottime le paste, condite con sughi marinari con il polpo o le cozze. Tutto il resto è da scoprire, lasciandosi magari consigliare dall'esperienza del patron.
 VEDI ANCHE:
   


 
 Reggio Calabria

Guerriero con elmo, Bronzo di Riace

Arte della Magna Grecia

 
Inizio
 
succ.
 
Itinerario classico
Secondo Giorno

Mattina
Non solo i Bronzi di Riace : sll'interno del famoso Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria è raccolta l'intera storia millenaria della regione e di uno dei suoi centri più importanti.
Meglio, quindi, dedicare alla sua visita un'intera mattinata.
Accanto ai due magnifici colossi, infatti, esistono altri preziosi reperti di pari importanza storico-artistica. Primo fra tutti la testa di filosofo, magnifico bronzo anch'esso del V secolo a.C., ma anche una notevole collezione di pinakes, tavolette votive in terracotta con scene in rilievo, il celebre gruppo dei Dioscuri, proveniente dal santuario di Marasà a Locri e una bellissima testa di marmo raffigurante il dio Apollo, rinvenuta a Cirò Marina.
Al Museo Archeologico è possibile visitare, inoltre, anche un'interessante sezione dedicata alla Preistoria e altre sale dedicate all'etnologia e quindi all'arte medievale e moderna.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Una delle strade di Reggio

Corso Garibaldi

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Reggio Calabria: Itinerario classico

Pomeriggio
Dopo tanta arte e storia una passeggiata lungomare in corso Matteotti, un vero e proprio orto botanico sempre aperto, che se da una parte regala una splendida vista sullo Ionio, dall'altra offre la possibilità di ammirare rigogliose palme e magnolie giganti, fiori coloratissimi e piante esotiche.
E come sfondo il magnifico stretto di Messina e l'imponente cono dell'Etna.
Tanto verde senza perdere mai di vista l'arte e la storia antica della città: lungo il corso, infatti, si possono ammirare i busti dedicati ai figli più illustri di Reggio Calabria (compreso Corrado Alvaro), il monumento ai caduti di Franco Jerace, che ricorda anche l'improvviso sbarco di Vittorio Emanuele III, divenuto re dopo l'uccisione del padre e, più in fondo, racchiuse in un recinto di protezione i resti delle antiche mura greche, originariamente due file parallele di grossi blocchi di arenaria tenera risalenti al IV secolo a.C. e facenti probabilmente parte della ricostruzione operata da Dionisio II di Siracusa.
Poco distante, in una posizione molto suggestiva, si trovano le terme romane, ruderi con resti di pavimento musivo a piccole tessere bianche e nere.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Veduta del lungomare

 
Inizio
prec.
succ.
 
Secondo Giorno
Reggio Calabria: Itinerario classico

Sera
Per chiudere in bellezza questi due giorni dedicati agli antichi fasti della città, un'elegante serata al Teatro Cilea.
In scena, a seconda del cartellone, musica lirica, opera o concerti di musica sinfonica e da camera.
 VEDI ANCHE: