Discoveritalia.it - Il portale turistico di Istituto Geografico De Agostini Costiera Amalfitana - dintorni di Positano
 
Venerdì 15 Dicembre 2017 














Milano
Personaggio storico
Alessandro Manzoni
Uno dei simboli per eccellenza di Milano, Alessandro Manzoni, con la vita e la sua produzione letteraria ha rappresentato un momento topico per la storia della sua città e di quella nazionale.
Nato a Milano nel 1785 da Pietro e Giulia Beccaria, ma forse frutto della relazione di Giulia con Giovanni Verri, Alessandro Manzoni viene battezzato nella Chiesa di San Babila. Crescendo riceve in collegio un'educazione rigidamente cattolica, per reazione alla quale egli adotterà un crudo anticlericalismo, negli anni in cui nella sua città frequenta i circoli illuministi. Il futuro romanziere si trasferisce a Parigi, dopo la morte del padre e qui coltiverà quelle idee che saranno poi esposte nelle opere giovanili ispirate a Monti e a Parini, prima fra tutte In morte a Carlo Imbonati. Seguiranno altre importanti produzioni letterarie, fra queste gli Inni Sacri, che scrive nello stesso anno in cui torna a vivere a Milano, in quella casa tutt'ora visitabile, dove sono conservati oggetti personali dello scrittore che vi abitò fino al 1873.
Prosegue la sua produzione letteraria con opere di alta levatura come Odi, le opere teatrali, l'Adelchi e il Conte di Carmagnola e il Cinque Maggio dedicato a Napoleone. Tutti lo ricordano per il suo celebre romanzo, il primo scritto in lingua italiana: I Promessi Sposi. Nella sua opera si possono riconoscere molti angoli di Milano che lo scrittore ha citato per tenere fede al principio di verosimiglianza che è rispettato con cura nel racconto. Fra i posti celebri c'è il luogo di nascita della Monaca di Monza, Palazzo Marino, oggi sede del Municipio, poi Palazzo Borromeo, dove visse il Cardinale Federico Borromeo, altro personaggio reale citato nel romanzo. Si tramanda poi che Manzoni si sia ispirato alla Trattoria Monluè quando ha citato l'osteria in cui si ferma Ranzo Tramaglino, il protagonista maschile, in una delle sue venute a Milano. Infine il Lazzaretto, luogo in cui Renzo e Lucia si incontrano dopo un lungo peregrinare, durante la terribile peste che colpì la città nel XVI secolo. La chiesa di San Carlo al Lazzaretto, a metà di viale Tunisia.
Manzoni morirà nel 1873, a causa, pare, di una banale caduta fuori dalla chiesa di S.Fedele a Milano. Le sue spoglie sono conservate al Cimitero Monumentale, mentre in piazza San Fedele, dietro Palazzo Marino, si può ammirare la statua che la città gli ha dedicato.



 VEDI ANCHE: