Discoveritalia.it - Il portale turistico di Istituto Geografico De Agostini Costiera Amalfitana - dintorni di Positano
 
Giovedì 14 Dicembre 2017 












Costa Smeralda
Sebbene l'atmosfera sia molto cambiata dai tempi d'oro dell'Aga Khan, la Costa Smeralda continua a essere considerata una meta da vip, palcoscenico del più esclusivo divertimento estivo. A decretarne il successo sono state soprattutto le sue acque incredibilmente limpide e le spiagge di un bianco quasi surreale. Ma questa terra ha anche molto altro da offrire, a cominciare da un entroterra costellato di importanti testimonianze storiche e architettoniche e caratterizzato una natura unica e spesso incontaminata. Una varietà tutta da scoprire per una vacanza a tutto tondo.

Primo Giorno
Sole e relax assoluto sulle leggendarie spiagge della Costa Smeralda, scegliendo quella che fa al caso vostro tra isolate calette e lunghe strisce di sabbia bianca popolate dal bel mondo.
 
Un'irrinunciabile nottata mondana a Porto Cervo, tra ristoranti e club frequentati da vip e personaggi del jet set.
Secondo Giorno
   
Dopo una visita al storico di Arzachena, si parte alla scoperta dei celebri nuraghi e degli interessanti siti archeologici della zona, tra necropoli e antichi insediamenti.
 
Una cenetta di pesce a Cannigione, vecchio borgo di pescatori trasformato in porto turistico.
Terzo Giorno
   
Un'escursione al Monte Moro, per godere della natura selvaggia e della vista migliore sulla Costa; a seguire, un po' relax sulle spiagge dei dintorni.
 
A Liscia di Vacca per ammirare il tramonto dalle colline e godersi una cena in uno dei ristoranti caratteristici.

 Sito consigliato
 VEDI ANCHE:
 
 
Costa Smeralda

Costa Smeralda - Golfo di Marinella

Costa Smeralda - Punta della Volpe

Costa Smeralda - Golfo di Cugnana


Costa Smeralda - Porto Cervo

Costa Smeralda - Porto Cervo, Marina vecchia

Costa Smeralda - Punta Capaccia

 
Inizio
 
 
Costa Smeralda
Primo Giorno

In giornata
Armati di costume, pareo, occhiali da sole e crema solare, preparatevi a percorrere un tratto di costa considerato tra i più belli d'Italia, quello che va da Porto Rotondo fino a Poltu Quatu. Famosa nel mondo per il suo glorioso passato e per il suo presente di meta prediletta dai ricchi e famosi, la Costa Smeralda è un paradiso turistico, una sorta di grande resort vacanziero diffuso le cui strutture, realizzate nel rispetto dell'ambiente e del paesaggio, sono però discrete e mimetizzate. I suoi confini sono molto precisi, simbolicamente rappresentati da due rocce di granito che ne portano il nome; la prima si trova a sud, sulla strada panoramica da Olbia, l'altra a nord, subito dopo Liscia di Vacca, sulla strada per Baja Sardinia.
Partendo da Olbia, la prima deviazione d'obbligo è quella per Porto Rotondo ; pur formalmente oltre i confini della Costa Smeralda, questa località, la più "in" della zona insieme a Porto Cervo, ne fa parte a tutti gli effetti. Tra le sue spiagge più famose ci sono quelle di Ira, Spiaggia Sassi e Punta Volpe, ma vale la pena anche di fare un giro in paese per vedere il porto turistico e la chiesa di San Lorenzo.
Superato il golfo di Cugnana, con Rena Bianca e Razza di Juncu comincia l'incredibile susseguirsi di spiagge della Costa Smeralda : lunghe strisce di sabbia bianca, calette, scogliere di granito rosa e un mare che fa mostra delle più inimmaginabili sfumature di verde e d'azzurro. Potrete costeggiare queste meraviglie percorrendo la strada panoramica, immersi in un paesaggio dominato dalla macchia mediterranea. La prima grande baia è quella, verdissima, di Cala di Volpe, dove i ginepri arrivano fin sul mare; si trova proprio qui una delle spiagge più famose e frequentate della Costa, quella di Liscia Ruja, spiritosamente rinominata "Long Beach" poiché formata da un susseguirsi di candide calette per 500 metri. Oltre il golfo ci sono altre spiagge bellissime - tra cui quelle di Capricciosi, la celeberrima "Spiaggia del Principe", prediletta dall'Aga Khan, e quella di Romazzino ("rosmarino"), dove sorge uno dei primi hotel di lusso della zona mentre l'insenatura successiva, quella del Pevero, ospita due spiagge rinomate e molto "paparazzate" e uno dei campi da golf più belli di tutta Europa.
Ed ecco finalmente la mondana e incontrastata capitale della Costa Smeralda, Porto Cervo, da tenere in serbo per una serata davvero speciale. Qui le spiagge non sono molte, a parte quella tutta ciottoli di Cala Romatica, ma proseguendo oltre s'incontrano Cala Granu e le più defilate spiaggette di Capo Ferro, di fronte alle quali potrete vedere stagliarsi Caprera le splendide isole dell'Arcipelago della Maddalena. E proprio verso queste isole salpano le navi che partono dalla località più a nord della Costa: è Poltu Quatu ("porto nascosto"), ex villaggio di pescatori riparato in una stretta e suggestiva insenatura e oggi delizioso centro turistico.
 VEDI ANCHE:
   
   
   
 

Costa Smeralda - Porto Cervo

 
Inizio
 
Primo Giorno
Costa Smeralda

Sera
La giornata non può che concludersi in quella che è considerata la "capitale" della Costa Smeralda, Porto Cervo, costruita intorno a un porto naturale la cui forma ricorda quella delle corna di un cervo. Correte a mettervi qualcosa di elegante ed esplorate, innanzitutto, il piccolo centro, con la sua architettura rustica che riproduce lo stile tradizionale gallurese, in un dedalo di viuzze dove trovano spazio le boutique d'alta moda e le gioiellerie; qui, in alta stagione, non vi sarà difficile imbattervi in qualche faccia nota dello sport o dello spettacolo. Soffermatevi sulla celeberrima Piazzetta, affacciata sul Porto Vecchio, sul Sottopiazza e, naturalmente, visitate quell'esercizio di architettura sacra contemporanea che è la chiesa di Stella Maris.
Nell'insenatura a ovest sorge Porto Cervo Marina, il porto turistico forse più celebre e frequentato del Mediterraneo. Per la serata, se potete, concedetevi una cena di lusso e un dopocena danzereccio. I ristoranti e i locali notturni più famosi come l'ormai mitico Billionaire, aperto solo d'estate - si trovano fuori dal centro e sono sparsi nelle località dei dintorni.
 VEDI ANCHE:
   

 
Costa Smeralda

Golfo di Arzachena

Arzachena (OT) - La Roccia del Fungo


Cannigione



 
Inizio
 
 
Costa Smeralda
Secondo Giorno

In giornata
Arzachena, nel cui territorio comunale sono compresi i 55 km di spiagge della Costa Smeralda, rappresenta non solo una zona di grande interesse storico e culturale, ma anche un punto d'appoggio ideale per chi desidera visitare la zona senza dover necessariamente soggiornare in un costoso cinque stelle. Immersa in un paesaggio di monti granitici ricoperti di olivastri e macchia mediterranea, si trova anche al centro di un'importantissima zona archeologica. Si può cominciare col visitare il paese, poggiato su un colle e sormontato da un imponente masso di roccia granitica a forma di fungo noto come Lu Monti Incappiddatu , e dalla chiesa settecentesca di Santa Lucia. Dopodichè, immancabile l'incontro con uno dei simboli della Sardegna, il nuraghe , di cui questa zona della Gallura è a dir poco ricca. Se imboccate la statale Olbia-Palau, a soli 2 km dal centro si possono trovare due importanti centri archeologici: Malchittu, sulla piana, e Albucciu, arroccato su un'altura verso nord-est. Entrambi conservano resti di abitazioni e di luoghi di culto. Se vi resta tempo, sempre nei dintorni si trovano la necropoli di Li Muri e la Tomba di Giganti di Li Longhi, risalente all'età del Bronzo.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Cannigione

 
Inizio
 
Secondo Giorno
Costa Smeralda

Sera
Riparato all'interno di una profonda insenatura a "V" a nord del centro abitato di Arzachena, nell'Ottocento Cannigione non era che un porticciolo di poche casupole abitato da contadini e pescatori. Il boom turistico non l'ha risparmiato, trasformandolo in un'importante meta turistica dove, durante l'alta stagione, ville, residence e affittacamere sono puntualmente al completo. Tuttavia, il paesino, abitato tutto l'anno, ha in parte conservato la sua dimensione di villaggio, e merita una visita. Le sue spiagge, comprese tra il golfo delle Saline e quello di Arzachena, si sono trasformate in punto di partenza per escursioni sottomarine, e pullulano di diving center, mentre il porticciolo è diventato un attrezzatissimo porto turistico, dove, prima di una meritata cenetta a base di specialità di pesce, potrete passeggiare per ammirare barche e yatch di ogni tipo.
 VEDI ANCHE:
   

 
Costa Smeralda

Costa Smeralda - Monte Moro

Costa Smeralda - Monte Moro, i 'Tre volti'

Costa Smeralda - Punta Capaccia


Cala Volpe

 
Inizio
 
 
Costa Smeralda
Terzo Giorno

In giornata
A una decina di chilometri da Porto Cervo sorge il più interessante punto panoramico della Costa: è il Monte Moro, così chiamato perché funse in passato da punto di avvistamento contro gli sbarchi dei pirati moreschi, che spesso e volentieri minacciavano le coste sarde. È alto solo 400 metri, ma la vista che si gode dalla sua cima è così ampia e impressionante da lasciare senza fiato: tutta la Costa Smeralda, l'arcipelago della Maddalena fino all'isola di Tavolara e addirittura il sud della Corsica. E non è da meno il panorama in cui ci si trova immersi salendo, dominato dalla macchia mediterranea, dai massi granitici e dai profumi inconfondibili della vegetazione autoctona.
Per raggiungere il Monte Moro, si prende la deviazione che si trova presso l'abitato di Abbiadori; dall'inizio dello sterrato, si può decidere di proseguire in macchina, a piedi o lungo la pista per le mountain bike; il percorso è di circa 7 chilometri. Al termine, una ripida scalinata conduce fino alla piattaforma in cima.
Se alla fine dell'escursione resta del tempo e si ha voglia di relax, il mare è a un tiro si schioppo. Le spiagge più vicine ad Abbiadori sono quelle del Pevero, raggiungendo le quali si avrà anche l'occasione di ammirare lo splendido campo da golf, o quelle di Cala Volpe. Se invece ci si vuole spingere un po' più a nord, val la pena proseguire fino a Cala Granu o a Cala del Faro.
 VEDI ANCHE:
   
   
   
 

Costa Smeralda - Liscia di Vacca

 
Inizio
 
Terzo Giorno
Costa Smeralda

Sera
Vicinissima a Porto Cervo Marina, fino agli anni Sessanta Liscia di Vacca era un piccolo borgo storico costruito sulle colline attorno a una chiesetta; nel periodo del boom della Costa Smeralda, alcuni aristocratici inglesi ne acquistarono le terre creando un consorzio e affidando l'espansione del villaggio all'architetto Savin Couelle, che nel progettare le nuove ville in granito riprodusse abilmente lo stile locale. Da qui potrete godervi un superbo tramonto sulle isole. Il paesino si estende fino al mare; percorrendolo troverete svariati bar e diversi ristoranti caratteristici, molto frequentati durante il periodo estivo.


 VEDI ANCHE: