Discoveritalia.it - Il portale turistico di Istituto Geografico De Agostini Costiera Amalfitana - dintorni di Positano
 
Martedì 12 Dicembre 2017 












Acque umbre
Montagne, colline e rare pianure segnate da borghi, castelli e conventi: tracce tangibili dell'antica e ininterrotta presenza dell'uomo. Al centro geografico dell'Italia, l'Umbria è una terra a sé che, nonostante le mille contaminazioni della sua storia, i domini che si sono succeduti nei secoli, i traffici e i commerci che l'hanno percorsa da capo a fondo, conserva un'anima speciale e incontaminata. Così un viaggio in Umbria si trasforma in un viaggio nel tempo, capace di stupire con la bellezza di paesi antichi come l'uomo e di cittadine brulicanti di vita, con la bontà delle fonti termali che vi sgorgano le terme di Fontecchio, di San Faustino, di San Gemini e il lusso di resort immersi tra ulivi e vigneti, dove ritrovare l'equilibrio perduto.

Primo Giorno
Si parte dalla verdissima val Tiberina per scoprire Umbertide e Città di Castello, che affascina con la pacata bellezza delle sue vie ampie e diritte e "approdare", infine, alle Terme di Fontecchio, famose per il potere delle acque sulfuree.
 
Il lago Trasimeno è lo scenario perfetto per una serata a base di natura incontaminata e cucina doc. Magari in un ristorantino che si affaccia su una delle viuzze tortuose di Passignano sul Trasimeno.
Secondo Giorno
   
Perugia. Basta il nome per riportare alla memoria un patrimonio di bellezze architettoniche da mozzare il fiato: la fontana Maggiore, i palazzi del potere, la cattedrale e i borghi cresciuti nel Medioevo al di fuori delle mura etrusche. Poi, esausti ma contenti, la meta è il relais Borgo Brufa o le Terme francescane, per un pomeriggio tutto coccole.
 
A Todi, che sotto la "scorza" di città austera e medievale nasconde una vita culturale molto interessante. E una tradizione culinaria da gourmet.
Terzo Giorno
   
Alle pendici dei Monti Martani, le terme di San Faustino sorgono in un "luogo ameno" già apprezzato dagli antichi romani per le acque leggere e mineralizzate che vi sgorgano. Ma questa è solo la prima tappa di una giornata tutta dedicata al wellness. Nel pomeriggio si raggiunge infatti la famosissima San Gemini, dove sgorga un'acqua "miracolosa" e leggerissima.
 
La rilassante campagna umbria fa da cornice ad Acquasparta che, con le sue terme dell'Amerino, conclude il percorso delle acque della salute.

 VEDI ANCHE:
 
 
Acque umbre

Umbertide - Badia di Montecorona

Campagna nei dintorni di Città di Castello

Città di Castello

Coltivazione del tabacco nei dintorni di Todi


Passignano sul Trasimeno

 
Inizio
 
 
Itinerario
Primo Giorno

In giornata
Si parte dalla val Tiberina, che con il suo paesaggio di monti verdissimi, colline sinuose e morbide discese ha da sempre rivestito un ruolo strategico dal punto di vista commerciale e militare. Non è un caso che sulle sponde del suo lago, il Trasimeno, si combattè una delle battaglie più cruente della seconda guerra punica, quella che vide la vittoria di Annibale sui romani nel 217 a.C.
Seguendo il corso del Tevere, che attraversa tutta la valle ed è il vero anello di congiunzione della zona, si scoprono via via borghi e città immersi tra storia e natura, in un viaggio che saprà regalare emozioni inaspettate. Da Perugia in direzione nord si percorre la strada del Pantano che, passando per il cuore della val Tiberina, porta alla scoperta di Umbertide e dell'affascinante borgo di Montone , ancora oggi racchiuso da una possente cerchia muraria, oltre a una serie di abbazie e badie che punteggiano eleganti la campagna circostante.
Continuando verso nord, si raggiunge Città di Castello , l'antica Civitatis Castelli che in epoca medievale crebbe in potenza e ricchezza, grazie allo sviluppo di fiorenti attività commerciali, tra cui la stampa. Tutto intorno, una natura luminosa e sapientemente domata dalla mano dell'uomo fa da sfondo teatrale a quello che è considerato, ancora oggi, il più importante centro urbano della valle. È la bellezza dei suoi nobili palazzi cinquecenteschi, delle sue chiese e musei, oltre a un'importante tradizione di coltivazione del tabacco con inaspettati risvolti culturali ciò che attira i viaggiatori a Città di Castello.
E dopo la visita alla città, ecco il momento di rilassarsi nell'incantata cornice delle Terme di Fontecchio alle cui fonti si bagnava la bellissima moglie di Plinio il Vecchio. Quale miglior "biglietto da visita" per il centro benessere, specializzato anche in massaggi orientali?
 VEDI ANCHE:
   
   
   
 

Tramonto sul lago Trasimeno

 
Inizio
 
Primo Giorno
Acque umbre

Sera
Dopo la giornata spesa tra le bellezze incontaminate della val Tiberina, di ritorno verso Perugia il lago Trasimeno diventa lo scenario ideale per una sosta nella quale concedersi qualche momento di relax passeggiando lungo le sue incantevoli rive. Partendo da Magione si arriva a Passignano sul Trasimeno , l'antica Passum Jani. Per raggiungere il centro storico abbarbicato sulla collina bisogna salire erte gradinate, ma la vista del lago dalle torri dell'antico castello è uno spettacolo che ripaga della fatica.
 VEDI ANCHE:
   

 
Acque umbre

Perugia

Perugia - Fontana maggiore

Perugia - Porta Marzia

Perugia - particolare della facciata del Duomo


 
Inizio
 
 
Itinerario
Secondo Giorno

In giornata
Con il profilo inconfondibile dei suoi campanili, Perugia appare all'improvviso, distesa su un ripido colle dal quale domina un incrocio di valli e di vie di comunicazione, tra Val Tiberina e Valle Umbra.
La visita parte da piazza IV Novembre, antico Foro romano e vero centro della città entro le mura etrusche, dove chi vive e visita Perugia passa e ripassa e si ferma per le rituali chiacchiere. Cuore della piazza, la celeberrima fontana Maggiore è l'emblema del Comune medievale e un capolavoro indiscusso della scultura duecentesca. Sul lato nord, di fronte a corso Vannucci meta irrinunciabile dello shopping perugino, si ammira la cattedrale gotica. Dall'alta gradinata sulla quale si eleva, si gode una visuale mozzafiato sulla piazza: il palazzo arcivescovile che incorpora i resti del primitivo palazzo dei Consoli precedente all'XI secolo e il Palazzo dei Priori, altro orgoglio cittadino, che domina con la sua mole l'area tra la piazza e il corso Vannucci e custodisce al suo interno opere di Beato Angelico, Piero della Francesca, Pinturicchio e, ovviamente del Perugino.
Ma se Perugia è una fonte pressoché inesauribile di bellezza architettonica, un percorso insolito è quello che porta, superata la porta Marzia, nella sotterranea via Bagliona e quello che da piazza Danti conduce a nord della città dove, oltre le mura etrusche, in epoca medievale crebbero i borghi popolari settentrionali.
Se camminare su e giù per le ripide stradine di Perugia ha messo a dura prova la vostra resistenza fisica, il consiglio è di dedicare il pomeriggio al benessere. Immaginate il profilo dolce delle colline umbre punteggiate di uliveti e vigneti, una natura intatta e rigogliosa e, ancora, mani sapienti che vi massaggiano, tisane aromatiche da sorseggiare avvolti in teli profumati... Bene, siete arrivati al relais Borgo Brufa , il luogo ideale dove ritrovare la pace dei sensi. Oppure, ad appena 27 km da Perugia, benessere sulle tracce di San Francesco a Spello, un luogo dove si va per fare cultura del corpo e dello spirito.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Todi

 
Inizio
 
Secondo Giorno
Acque umbre

Sera
Un inespugnabile borgo medievale cinto da due cerchie di mura, arroccato su un colle alla confluenza del torrente Naia con il Tevere: così appare ancora oggi Todi a chi vi giunge per la prima volta. Ma non lasciatevi ingannare dal profilo austero della città di Jacopone, il frate scomodo. Todi è una meta perfetta per una serata all'insegna della buona tavola umbra e della cultura, grazie al Todi Festival che si svolge ogni anno tra agosto e settembre.
 VEDI ANCHE:
   

 
Acque umbre

Abbazia di San Fidenzio

San Gemini - Abbazia di San Niccolò

Rovine di Carsulae nei dintorni di San Gemini

Il Tevere da Todi verso la gola del Forello


 
Inizio
 
 
Itinerario
Terzo Giorno

In giornata
Sulla strada che da Todi porta a Terni, proprio nel cuore della media valle del Tevere, il fiume che da sempre ricopre il duplice ruolo di anello di congiunzione e separazione tra l'Etruria e il territorio umbro, il viaggio devia verso Massa Martana , fra Todi e Spoleto. Il piccolo centro fortificato che sorge alle falde dei monti Martani è caratteristico per l'ambiente che lo circonda. Siamo nel cuore dell'Umbria, fra i boschi e i ruderi, testimonianza di antiche civiltà, immersi nella natura. Nei pressi dell'antico borgo si trova la famosa Abbazia di San Fidenzio che risale all'XI secolo, costruita riutilizzando materiali di epoca romana provenienti dall'area di un antico insediamento nelle vicinanze. L'edificio è caratterizzato da una facciata a fasce rosse e bianche, a fianco si innalza una torre merlata, mentre all'interno del tempio, visitabile la domenica, si conserva una pietra sepolcrale romana e un pergamo duecentesco.
Qui, alle pendici dei monti Martani, si incontra un'Umbria dove natura, tradizione e azione dell'uomo hanno creato l'ambiente ideale per recuperare l'equilibrio psicofisico, come alle Terme di Sanfaustino , dalle cui fonti sgorga un'acqua naturalmente effervescente dalle elevate proprietà diuretiche. Qui, grazie ai trattamenti del centro benessere, è facile ritrovare la forma perduta, concedersi una pausa dallo stress e lasciarsi sedurre dal perfetto connubio di arte e natura. Le stesse atmosfere ricche di fascino e seduzione che si ritroveranno, qualche chilometro più a sud, a San Gemini , borgo medievale sorto lungo il tracciato dell'antica via Flaminia, conosciuto soprattutto per le terme che vantano una storia millenaria: già al tempo della Roma dei Cesari le legioni di ritorno da estenuanti battaglie vi sostavano per curare le ferite.
 VEDI ANCHE:
   
   
   
 

Acquasparta

 
Inizio
 
Terzo Giorno
Acque umbre

Sera
Da San Gemini ritornando verso Terni lungo la statale Tiberina, un'ultima sosta della giornata dedicata alle acque termali porta ad Acquasparta , concludendo così il percorso delle "acque della salute" con una visita alle terme di Amerino . Custodita dal profilo azzurrato dei Monti Martani, Acquasparta, con i suoi eleganti palazzi rinascimentali, è la meta ideale per una cenetta a lume di candela.


 VEDI ANCHE: