Discoveritalia.it - Il portale turistico di Istituto Geografico De Agostini Costiera Amalfitana - dintorni di Positano
 
Venerdì 15 Dicembre 2017 












Terme di Grado e Lignano Riviera
Città di acque, Grado, lo è da sempre, da quando profughi da Aquileia fuggirono qui incalzati dall'unno Attila fondando una cittadella. E tutt'oggi le acque sono il fulcro dell'anima gradese: dal punto di vista paesaggistico e da quello turistico, fatto di splendide spiagge e di impianti termali che riutilizzano acqua marina e dove si può godere degli straordinari effetti benefici di una sabbia rinomata in tutto il mondo. E poi Lignano, la "piccola Florida d'Italia" secondo Ernest Hemingway, capitale estiva del divertimento del Nord-est ma anche sede di un centro termale che ha fatto della talassoterapia il suo punto di forza.

Primo Giorno
Una giornata a Grado, l'isola del sole, centro termale e di villeggiatura circondato dalle bellezze naturali della sua laguna.
 
Alla scoperta dei piatti della tradizione graisan.
Secondo Giorno
   
Le Terme di Lignano Riviera, un oasi termale immersa nel verde in cui abbinare relax e divertimento.
 
Uno degli eventi del ricco calendario lignanese.

 VEDI ANCHE:
 
 
Terme di Grado e Lignano Riviera



Grado - Il porto

Grado - Scorcio di una calle

Laguna di Grado


Aquileia. Porto fluviale (Patrimonio dell'Umanità UNESCO, 1998)

Aquileia, basilica. Mosaico pavimentale del IV secolo raffigurante due pavoni.

Laguna di Marano - Riserva Naturale Valle Canal Novo. Passerella in legno



 
Inizio
 
 
Itinerario
Primo Giorno

In giornata
Quando improvvisamente la terra finisce, e la statale proveniente da Aquileia pare correre direttamente sull'acqua, è chiaro che si sta entrando in un mondo a "parte". Ma così è la laguna, dove il confine tra terra e mare è volubile, dipendendo dalle correnti marine e dal vento. Piccoli lembi di sabbia, ammantati di vegetazione, sono tutto ciò che riemerge dall'Adriatico per alcuni chilometri.
Poi, all'orizzonte, ecco delinearsi la terraferma: in realtà un'isola un po' più grande delle altre, che è in buona parte occupata da Grado. Sono le case di vacanza erette nel secondo dopoguerra per i turisti ad accogliere, nascondendo in più punti la vista della laguna e il nucleo storico, che è legato a doppio nodo con la vicina Aquileia e Venezia. Sì, perché da qui partirono nell'828 le spoglie di San Marco, destinato a divenire il protettore della città dei dogi.

Rigenerarsi a Grado
Meta per eccellenza del turismo familiare, oltre alle bellezze naturali della sua laguna e al particolare microclima che non fa mai mancare il sole sulla sua costa, Grado può vantare i notevoli effetti benefici della sua sabbia e dell'aria ricca di iodio.
Benché la tradizione curativa risalga alla seconda metà del XIX secolo - Grado era una delle stazioni termali più in voga durante l'impero asburgico - le Terme marine e lo stabilimento delle sabbiature (o psammatoterapico), che si trovano nell'espansione moderna dell'abitato, sono edifici moderni: nel primo si sfrutta l'acqua di mare, nel secondo la sabbia.
Piscine di acqua salata, acque termali e sabbiature sono le punte di diamante di un centro termale rinomato per le straordinarie proprietà benefiche degli elementi naturali a disposizione. Ricche di microorganismi e sali minerali, le sabbie gradesi sono un toccasana contro le malattie reumatiche, disturbi alle articolazioni e per la riabilitazione.
Accanto alla sabbia, il fiore all'occhiello di questo centro all'avanguardia è il Parco termale acquatico. Un vero gioiello del benessere composto da una piscina curvilinea di 85 metri, utilizzata sia per il divertimento sia per eventuali cure kinesiterapiche. La grande vasca è dotata di idromassaggi, cascatelle d'acqua, vasche termali, panchine sommerse per il massaggio a bolle d'aria e un canale per il nuoto controcorrente. Per i più avventurosi non mancano poi trampolini e scivoli d'acqua.

Tra una cura e l'altra
Da non perdere una passeggiata nel fiabesco centro storico gradese, le cui viuzze paiono tutte accompagnare al duomo di Sant'Eufemia (gli splendidi mosaici pavimentali del VI secolo sono coevi alle lastre che separano la navata dal presbiterio) e al vicino battistero, consacrato nella seconda metà del VI secolo. Vale anche la pena di visitare il solitario e antichissimo santuario di Barbana ( www.santuariodibarbana.it ), su una piccola isola della laguna.
Una decina di chilometri separano Grado dalla straordinaria Aquileia , una delle città più importanti dell'Impero Romano e oggi dichiarata dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità. Aquileia conserva intatte gran parte delle antiche fattezze e nella sua basilica si può ammirare uno dei più straordinari complessi a mosaico del mondo.
Infine, gite in barca alla scoperta degli ambienti naturali delle lagune di Grado e di Marano e delle Riserve naturali.
 VEDI ANCHE:
   
   
   
 

Boreto alla graisana

 
Inizio
 
Primo Giorno
Terme di Grado e Lignano Riviera

Sera
In uno dei ristorantini sparsi tra calli e campielli dell'antico castrum, oppure magari su un'isola della laguna, è tutto da gustare il piatto graisan (gradese) per eccellenza, il boreto. È una tradizionale zuppa a base di più tipi di pesce servita con polenta bianca, insaporita con aglio, olio, aceto, sale e pepe, e che nasce come piatto povero della cucina dei pescatori della laguna.
A Grado si preparano anche ottime seppie col nero e i sievoli sotto sal, cefali conservati sotto dale per due o tre mesi.
 VEDI ANCHE:
   

 
Terme di Grado e Lignano Riviera





Terme di Lignano

Stone therapy


 
Inizio
 
 
Itinerario
Secondo Giorno

In giornata
Un litorale di otto chilometri di sabbia fine e dorata, lambito da un mare tranquillo pluripremiato con la Bandiera Blu: Lignano è una località perfetta in cui abbinare il divertimento al relax e al benessere.
In questo contesto le Terme, immerse nel verde di Lignano Riviera, offrono, oltre ai servizi termali tradizionali, programmi all'avanguardia di trattamento nel campo dell'estetica e della prevenzione, operando sempre in nome di tre parole chiave: salute, bellezza e forma fisica.

Fino ai primi anni del XX secolo la penisola sabbiosa di Lignano, punteggiata di canne palustri e di dune, era una landa pressoché deserta sulla cui fortuna ben pochi avrebbero scommesso. Poi arrivò Ernest Hemingway, che stregato dal suo fascino la definì tout-court "nuova Florida". E di lì in poi ebbe inizio una crescita vorticosa e inarrestabile, guidata dal disegno preciso di fare della penisola un centro balneare di prim'ordine, popolato di attrattive turistiche e dotato di ben otto darsene per imbarcazioni da diporto. Così, nel 1935, fu realizzato il primo dei tre insediamenti che formano la città odierna: Lignano Sabbiadoro. Seguì a breve la futuribile Lignano Pineta, realizzata con pianta spiraliforme su progetto di Marcello d'Olivo. Infine, la verdissima Lignano Riviera, dove si trova, appunto, anche lo stabilimento termale.

Le terme
Situate nella parte più elegante della località balneare lignanese, la zona di Riviera, le Terme di Lignano sono lambite dal mare e immerse in una secolare pineta.
Qui si sfruttano sapientemente, con tecniche talassoterapiche all'avanguardia, le potenti proprietà benefiche del binomio formato da acqua e sole. Queste terapie a base di acqua marina sono ideali per curare l'artrosi e, attraverso un processo di nebulizzazione, le affezioni all'apparato respiratorio. Le acque marine, anche artificialmente riscaldate (34 °C), in accoppiata con sabbia e alghe vengono impiegate - sotto forma di bagni, idromassaggi, sabbiature, fanghi di alghe micronizzate e liofilizzate, inalazioni, insufflazioni, politzer e idrochinesiterapia - nelle patologie articolari, otorinolaringoiatriche e respiratorie, cutanee.
La struttura vanta anche un rinomato beauty center, che offre check-up iniziali e percorsi personalizzati per combattere la cellulite, lo stress, i chili in eccesso, con metodi in grado di coniugare la cura del corpo e il piacere di sentirsi coccolati. Non mancano i massaggi: accanto all'ayurvedico, stone therapy, antistress, omoenergetico, tra le ultime novità del centro ci sono il massaggio biodinamico, e il massaggio hawaiano lomi-lomi. In estate, dopo un energetico scrub al cocco, ci si prepara al sole lignanese con un massaggio super abbronzante a base di oli di cocco e arancio amaro.
Il sito internet delle Terme di Lignano si trova all'indirizzo www.termelignano.it.
 VEDI ANCHE:
   
   
 



 
Inizio
 
Secondo Giorno
Terme di Grado e Lignano Riviera

Sera
Il calendario aggiornato degli eventi a Lignano si può consultare alla pagina dedicata del sito ufficiale del Agenzia Turismo Friuli Venezia Giulia.
 VEDI ANCHE: