Discoveritalia.it - Il portale turistico di Istituto Geografico De Agostini Costiera Amalfitana - dintorni di Positano
 
Giovedì 14 Dicembre 2017 













Sulle piste dei campioni in Valtellina
Per un suggestivo weekend bianco vi proponiamo un itinerario valtellinese, nel comprensorio di Bormio, dove nel 2005 si sono svolti i Campionati del Mondo di Sci alpino. Discesa libera, sci di fondo, snowboard o ice climbing: scegliete lo sport che più fa per voi o provateli tutti quanti, i pendii della zona offrono neve fresca per tutto l'inverno e dislivelli da campioni. E poi shopping, terme e gastronomia sapranno tentarvi nel tempo libero, per rendere ancora più completa la vostra vacanza.

Primo Giorno
In pista come campioni sulle distese innevate intorno a Bormio
 
Dopo aver sciato ci si può riposare visitando il gioiello della Valtellina: Bormio
 
Immersione nelle acque curative delle terme con effetto relax assicurato
Secondo Giorno
   
Via sulle discese di Santa Caterina Valfurva, le stesse piste percorse da Deborah Compagnoni
 
Una vera e propria oasi di benessere ai Bagni Vecchi
 
Notte dance a Bormio, un ritmo che non ha niente da invidiare alle grandi metropoli
Terzo Giorno
   
Livigno, capitale europea dello snowboard, vale la pena anche solo per osservare i volteggi dei più bravi
 
Ice climbing nel regno del ghiaccio, uno spettacolo tutto d'ammirare
 
Un po' di shopping tra i sapori tradizionali e per gli instancabili qualche festa vip

 VEDI ANCHE:
 
 
Sulle piste della Valtellina

Impianti di risalita a Bormio

Alberto Tomba in discesa

Tracce di sci sulla neve

 
Inizio
 
 
Itinerario
Primo Giorno

Mattina
Il weekend bianco in Valtellina si apre direttamente sulle distese innevate intorno a Bormio: chilometri e chilometri di piste che si presentano come un vero paradiso per gli sciatori. Non a caso i Campionati del Mondo di Sci alpino sono tornati in Italia nel dopo vent'anni e, per la precisione, si sono sfidati proprio sul tracciato dello Stelvio. Nuove piste, interventi migliorativi e ampliamento dell'innevamento automatizzato sono stati effettuati in vista del grande traguardo e, prima che le piste si affollino, conviene fare lo skipass di buon mattino e gettarsi lungo i 2000 metri di dislivello del pendio più famoso di tutta la Valtellina. Avete agganciato gli scarponi agli sci? E allora via, con il vento gelido tra i capelli e sotto una pioggia di fiocchi di neve...
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Strada nel centro di Bormio

Torre civica di Bormio

 
Inizio
 
Primo Giorno
Sulle piste dei campioni in Valtellina

Pomeriggio
Dopo qualche ora di sci, i muscoli imploreranno un po' di riposo: del resto è inutile imitare i grandi campioni se per tutto l'autunno siete stati seduti alla scrivania senza allenarvi troppo costantemente! E anche nel caso in cui potete vantare un fisico al pari degli atleti mondiali, non vi farà certo male una cioccolata bollente in un rifugio alle pendici dello Stelvio, per recuperare un po' di energia. Tolti gli sci e saltati in auto, è ora di visitare l'incantevole centro di Bormio con una passeggiata rilassante tra le sue case in pietra, lungo Via Roma. Da Palazzo De Simoni alla centralissima Piazza Kuerc, la città è un vero e proprio gioiello alpino da osservare con sguardo incantato. Quando il sole starà per tramontare, non potrete fare a meno di alzare il naso e cercare di avvistare le prime stelle nel cielo limpido d'alta quota; ma anche se le nuvole oscurano l'orizzonte, si potranno sempre ammirare la Torre civica e la Torre degli Alberti.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Piscina termale

 
Inizio
 
Primo Giorno
Sulle piste dei campioni in Valtellina

Sera
Il relax è d'obbligo a fine giornata: niente di meglio, allora, delle terme di Bormio. Sfruttate l'apertura fino a tardi del venerdì per immergervi nelle caldissime acque curative che sgorgano dalla sorgente Cinghialaccia e abbandonarvi alle coccole del centro estetico, che risponde alle più svariate esigenze con programmi di elettrostimolazione e idroaromaterapia, massaggi manuali e idromassaggi anche al fango termale. Dopo un trattamento completo vi sentirete un'altra persona e sarete pronti per uno spuntino o cenetta al Ristorante Tipico Al Filo'.
 VEDI ANCHE:
   

 
Sulle piste della Valtellina

Cevedale in Valfurva

Pista di fondo

Santa Caterina Valfurva

 
Inizio
 
 
Itinerario
Secondo Giorno

Mattina
Nel comprensorio sciistico di Bormio, verso la Valfurva, si nasconde lo splendido paesino di Santa Caterina, adagiato in una conca a 1700 metri immersa nel Parco Nazionale dello Stelvio, ai piedi dei gruppo Ortles Cevedale. Grazie alla dislocazione delle piste, rivolte verso nord, il manto nevoso presente a Santa Caterina Valfurva si presenta quasi sempre in condizioni ottimali per gli amanti dello sci. Non a caso è il paese natale di Deborah Compagnoni, dove la campionessa ha fatto le sue prime discese. Recentemente la zona è diventata un vero e proprio punto di riferimento per lo sci di fondo, grazie alla creazione di un anello internazionalmente rinomato, sede di una decina di gare di Coppa del Mondo. Insomma, anche oggi le vostre abilità di sciatori saranno messe a dura prova!
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Grotta termale

 
Inizio
 
Secondo Giorno
Sulle piste dei campioni in Valtellina

Pomeriggio
A pomeriggio inoltrato, dopo aver rincorso la migliore performance della stagione sulle piste delle campionesse, vi meritate senz'altro una pausa di riposo rigenerante. L'ideale è recarsi nel centro termale più attrezzato della Valtellina: i Bagni Vecchi. Tornando sulla strada per lo Stelvio, troverete una vera e propria oasi di benessere, fatta di acque calde che scorrono nelle piscine, nelle grotte e nelle vasche frequentate fin dai tempi dei Romani. Da ben nove sorgenti sgorga acqua termale alla temperatura di 36/41 C che è sapientemente usata per vari scopi: antistress, disintossicante e rilassante. Poi non solo i più vanesi potranno approfittare del centro estetico e sfoggiare una forma smagliante all'ora di cena.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Sciatt valtellinesi

 
Inizio
 
Secondo Giorno
Sulle piste dei campioni in Valtellina

Sera
Il sabato sera a Bormio non ha nulla da invidiare alle capitali del divertimento notturno: basta controllare il calendario per scoprire quale DJ rinomato arriverà a movimentare la notte dei turisti e dei giovani valtellinesi. Ma prima di abbandonarsi alle danze si può prenotare una cenetta in qualche ristorante del centro, per assaporare le energetiche pietanze locali. L'unico consiglio è quello di non esagerare con i pizzoccheri e i vini rossi della zona, se volete continuare la serata ballando!
 VEDI ANCHE:
   

 
Sulle piste della Valtellina

Livigno nella neve

 
Inizio
 
 
Itinerario
Terzo Giorno

Mattina
Il weekend bianco in Valtellina non è completo senza una tappa a Livigno, la principale stazione italiana dedicata allo snowboard. Sui pendii di questa località potrete scatenarvi in half pipe, freecarve e freeride emulando le gesta di Kikko Capponi e Samy Bakar, i riders locali che conoscono ogni curva dei pendii valtellinesi. Esiste anche un attrezzatissimo snowpark che soddisfa le esigenze degli snowboarders più acrobatici; vale la pena anche solo osservare i più bravi nei loro volteggi nel vuoto. Se qui si respira aria di competizione, non stupitevi!
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Panorama di Livigno

Ice climbing

Livigno sotto la neve

 
Inizio
 
Terzo Giorno
Sulle piste dei campioni in Valtellina

Pomeriggio
Le prime ore del pomeriggio sono le più indicate per ammirare uno degli spettacoli più belli della natura: le cascate ghiacciate che abbondano nelle cime intorno a Livigno. L'esposizione della valle, in direzione nord/sud, fa sì che sulla maggior parte delle cascate il sole formi stalattiti giganti; il freddo poi fa il resto. I più temerari potranno avventurarsi con funi e piccozza ad arrampicarsi sulle più belle cascate di ghiaccio di Livigno : dalla Candela delle Meraviglie alla Ci Kozz, ognuna presenta difficoltà e pregi diversi, che gli esperti sapranno illustrarvi con ampiezza di particolari. Se vi resta un briciolo d'energia, una volta tornati nel centro di Livigno potete approfittare delle ultime ore del weekend per fare un po' di shopping. Il centro del paese è infatti preso di mira da turisti e stranieri che ogni anno arrivano a fare scorta di gioielli, profumi e cioccolato in virtù dei prezzi speciali rispetto alla media: Livigno è da anni l'oasi del duty free, che fu concesso alla città per rimediare ai lunghi mesi d'isolamento nei quali spesso si trovava, stretta tra il ghiaccio e i venti carichi di neve.
 VEDI ANCHE:
   
   
 

Formaggio Bitto

 
Inizio
 
Terzo Giorno
Sulle piste dei campioni in Valtellina

Sera
Dopo lo shopping, i ristoranti di Livigno sapranno riscaldarvi con la loro accoglienza e la cucina casalinga, che porta in tavola i piatti tipici della Valtellina. Nell'attesa di un tagliere di polenta taragna, condita con tanto formaggio Bitto, si potrà stuzzicare con tanti affettati a volontà, senza dimenticare di assaggiare la tipica bresaola, che nasce proprio in queste zone di montagna. Gli instancabili, dopo cena, potranno fare quattro salti nelle discoteche Kokodì o Il Cielo di Livigno: se si ha un po' di fortuna, ci si potrà trovare nel bel mezzo di un party per snowboarder o di una festa per gli sciatori, che concorrono nelle gare del periodo.


 VEDI ANCHE: