Discoveritalia.it - Il portale turistico di Istituto Geografico De Agostini Costiera Amalfitana - dintorni di Positano
 
Sabato 16 Dicembre 2017 














Lungo i sentieri della Carnia
Vini





Pinot Bianco
È uno dei vini più importanti dell'enologia friulana. Il Pinot Bianco è un vino di notevole struttura, che può invecchiare fino a 3 anni. La fermentazione e l'affinamento avvengono in acciaio inox e l'imbottigliamento è effettuato da aprile a giugno, a seconda delle annate e dei metodi.
Una sua caratteristica particolarmente curiosa è l'evoluzione del profumo con l'età: presenta sottili note di fiori di campo appena imbottigliato, per volgere all'artemisia e al mandorlo attraverso una fase intermedia, durante la quale sprigiona la fragranza della crosta di pane.
Il vitigno di Pinot è coltivato in queste zone fin da epoca romana. Furono infatti i nostri antenati latini a importare in Francia il Pinot Nero, dove si ottenne per mutazione genetica il Bianco e il Grigio, che tornarono in Italia durante il XIX secolo.


Uva
Pinot Bianco (90%) e altre uve locali a bacca bianca (massimo 10%)
Colore
Giallo paglierino verdognolo che con l'età volge al dorato
Profumo
Delicato con note di fiori di campo, acacia e mandorla amara
Sapore
Elegante, liscio e morbido
Gradazione
10,5░
Temperatura
10░C
Abbinamento
Tutti i piatti della cucina di mare e formaggi morbidi



Ribolla Gialla
La Ribolla, Ribuele per i Friulani e Rébula per gli Slavi, è un vino tipico del Cˇllio Goriziano ed i suoi vitigni hanno la caratteristica di non adattarsi a coltivazioni di pianura. Questo tipo di vite, coltivata fin dal Trecento, predilige infatti terreni di collina magri e asciutti, soprattutto di origine vulcanica, esposti a sud e sud-ovest. I vigneti di Ribolla si estendono dai Colli Orientali fino a oltre il Carso, ma esistono tracce della sua storia antica in posti ben più lontani: nelle Ionie esiste una produzione di Robola, che è una chiara derivazione di questo ceppo originario.
Il nettare bianco che se ne ricava è uno dei più amati dai coltivatori locali e va bevuto entro l'anno. Secondo un rituale antico, quando in autunno il vino è ancora torbido e non completamente fermentato, i coltivatori friulani sono soliti berlo con le caldarroste.
In Friuli se ne confezionano 440.000 bottiglie all'anno.


Uva
Ribolla Gialla Friulana
Colore
Giallo paglierino con riflessi verdognoli
Profumo
Piacevole e suadente, con ricordi d'acacia, castagno e rovere
Sapore
Asciutto, lievemente acidulo, molto personale e leggero
Gradazione
11,5░
Temperatura
12░C
Abbinamento
Risotti vegetali o marinari e pesce